Zucchero: partito il tour, tra kitsch e Che Guevara

Zucchero: partito il tour, tra kitsch e Che Guevara
Credits: Daniele Baracco

Quasi tutti i quotidiani presenti alla data inaugurale del tour di Zucchero, a Montichiari (Brescia).

Secondo Marinella Venegoni de "La Stampa", davanti a 6.000 persone Zucchero ha portato «il Che in discoteca, in uno scenario che è essenzialmente un’americanata». «Lui e i suoi musicisti stavano ai piedi di una breve pedana fatta a torta, che ospitava un quartetto d’archi tutto femminile, come vuole la moda pop del momento. La torta, poi, si illuminava del tricolore italiano. Ma altre suggestioni e controsensi e divertimenti percorrono il palco (.) tra il kitsch e il modernariato, a formare un’atmosfera che somiglia al complesso subconscio del nostro eroe, uomo di mille sfaccettature dietro l’apparente bonomia e semplicità». Durante "Arcord", con la voce di Augusto Daolio dei Nomadi, appare un’applaudita immagine di Che Guevara; la cosa colpisce anche Mario Luzzatto Fegiz del "Corriere della Sera", che scrive: «Lo show, a ribadire la vocazione internazionale dell'operazione, parte con una tripletta di canzoni dal titolo inglese "You make me feel loved", "Forever your man" e "Back to you", seguita da "Arcord". (.) Il pubblico si scalda particolarmente nello Zucchero malizioso e inquieto di "Diavolo in me", "Overdose d'amore" e soprattutto "Il mare impetuoso". Ma anche per gli afrori sensuali di "Menta e rosmarino", per il gioco trascinante di "Con le mani" e per i ricordi d'infanzia dei brani del finale: "Wonderful world" e "Diamante". Nei numerosi bis un collage fra "Dune mosse" e "Senza una donna", poi "Così celeste" e "Per colpa di chi". Il gioco dei contrasti passato-presente è realizzato da due sezioni strumentali diverse, i 4 archi e la band blues classica di 6 elementi dove spiccano Derrek Wilson alle percussioni e la intrigante bassista Gail Ann Dorsey. Trionfo. .


Lo show riprende dunque lo spirito dell'album, via Emilia e Mississippi con tanta nostalgia per un'Italia e un mondo perduti. Il mix di versi italiani e slogan inglesi va al cuore. Stasera replica a Montichiari, domani a Bolzano, poi Treviso, Milano, Firenze, Torino, Perugia, Roma, Bari, Pesaro, Genova».
Positivo anche il parere di Paolo Zaccagnini de "Il Messaggero", anche se con una riserva: «Chi scrive avrebbe preferito non ascoltare subito tutto o quasi "Bluesugar", album non del tutto riuscito nonostante le vendite stratosferiche».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.