12-0 PM - Vegas Jones

Boston George, mica uno a caso

Mezzogiorno caldo, come un ferro sporco
Mi dirigo al punto di raccolta per il rendez-vous con gli homies
Usciamo dalla stona di una sera cool, ne giriamo un paio
Ma non fumo più mentre penso ai soldi
Ho già fatto troppe cose, ancora l'una del pome'
Trovo concentrazione, push-push o trazioni
Entro nella doccia come Lewis quando è ai box
Fra' sembra che siamo due, ma sono solo e sono grosso
Due o'clock, mangio pregio, non mi sale più l'abbiocco
Lei mi tiene sveglio, in chat compaiono le sue albicocche
Sto al top, sai che sono, sono in compagnia di notte
D'ora in poi lo schermo nero lo riguardo tra un po'
Alle tre dietro il vetro, come la siepe di Leopardi
Trasformiamo cose pese, avvenimenti in immagini
Se non esco col prodotto, non ne usciamo soddisfatti
Devono suonare bene per la stanza o per un party, woh, woh
Il Rollie segna le quattro del pomeriggio (Rollie)
Cotti come a sedici, sconvolti per un Cilum (Morti)
Ma 'sto giorno è ancora lungo, trovo un modo per riempirlo
Resto lucido e prestante come il Benz che ora è mio (Benz)
Sono un mito per le vie, chiedilo ai G, chiedilo al sindaco
Metto tutti d'accordo come una fottuta orchestra
Alle cinque come quello che ci diamo dopo il victory
Mando il pezzo di Anna a Crystol, Bando è diventata un'hit (Benz)
Le sei metto la sesta, tasti bianchi e nero e viceversa
Suono il piano e mi completa
Ma mi sento più una stella che una stupida cometa
Tu non eri mia sorella, ma eri solo una collega (Fuck)
Io alle sette ho ancora fame, quello è il perno della dieta
Tanto ho lavoro da fare, ma la mia squadra è sul pezzo
Sulla pancia c'hanno il tattoo con il nome del complesso
Noi nel blocco ci crediamo, siamo Compton, no La Mecca
Sono le otto, entro nel Warzone
Li cracco tutti 'sti figli di puttana, li sciolgo
Non uso i trucchi, stacco la testa per un secondo
Controllo il conto, è salito e pure di molto
Ma rimango grezzo come gli oro
Squilla il cell è puntale, ventuno, nove di sera
Sarà il gancio da Pescara, gli do appuntamento al Penta
Dallo squarcio nello Spandex esce profumo di erba
Si sente lungo le scale, la blindata non è aperta
Dieci, dieci, dieci, dieci, dammi il voto che mi spetta
Venti, venti, dopo quattro raddoppiamo la ricetta
Hanno provato ad ingabbiarmi, ma ho spezzato la catena
Adesso sono grossi cazzi, ho liberato la pantera
Situazioni e visi a dadi, ma ho reso mia madre fiera (Sì)
Sono pronto a fare danni, sta arrivando la tempesta (Sì)
Siamo alle undici di sera, ora è buio, non so chi era
A mezzanotte mi trasformo, fuori la luna è piena
Vegas

Figli di puttana



Credits
Writer(s):
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.