Sensation of Guilt - Mortiis

You have to reap what you sow
And perhaps, perhaps you will grow
You have to claim that guilt
And accept it as your own

Oh, why did you come to me, my son?

Why did you come to me, my son?
What's your sin? What have you done?
Have you done as you deem right?
What ails you, son? What is your plight?

Oh, why did you come to me, my son?

Don't wanna live forever
Don't wanna die too young
Too many places that I haven't been
Too many places that I haven't seen for so long

For all this time, it's been building up
Like the seven seas in a very small cup
Sedated, I was dead, I was numb
Now I got some luggage and it weighs a ton

Why did you come to me, my son?

Hold your ground, don't falter, don't leave
Never forget what it was like to believe
I'm gonna persevere
After all, it's only fear

Oh, why did you come to me, my son?

Looks like I don't need you no more



Credits
Writer(s): Havard Ellefsen
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.