Eh, già

Né ricchi, né poveri, siamo nati nel mezzo
Io e mio fratello, sul letto a castello
Casa umile fuori, tirata a lucido dentro
Quando me ne sono andato m'è rimasto l'accento
Dialetto del nord, con la cadenza di giù
La polenta e il salame, col kebab e il couscous
Quando penso a lei mi manca, non per la Costa Smeralda
Ma per ogni estate la vacanza dai parenti del sud
Non è il politico che dice, "Prima gli italiani"
Non conta se ci nasci, conta se la ami
Non è farsi i selfie con la Ferrari
È un bambino che si sente Valentino, mentre schiaccia sui pedali
Non è il saluto a braccio teso allo stadio
È Samantha che ci crede e arriva fino allo spazio
Non è l'abito firmato d'alta moda
È mio padre che ha firmato le cambiali per i miei libri di scuola

È il primo bacio dato un pomeriggio al luna park
Ti fai il caffè più buono anche nei peggiori bar
E quando vado via so che lei rimane dentro me
È una canzone di De Andrè
So a memoria le parole, neanche so perché
Questa è l'Italia per me
Questa è l'Italia per me
Questa è l'Italia per me

Graffiti come sfondo, nato in una frazione di Milano
Cresciuto in una frazione di secondo
Le tipe truccate come commesse di Moschino
E noi per piacere a loro truccavamo il motorino
Il tricolore impolverato appeso in bidelleria
Ogni ricordo è una boccata d'aria di periferia
Quando non si andava a scuola per gli scioperi
Il primo corteo che mi torna in mente con l'odore dei fumogeni
Guardavo i figli ricchi col Montgomery pensando
Non possono permettersi il lusso di essere poveri
Non è il clientelismo di chi salta le file
Ma è mia nonna che quando fa i conti parla ancora in lire
Sono le tende di Emergency e la strada di Gino
Non è Gianluca Vacchi e i calciatori da giardino
Non è il centro commerciale costruito con l'appalto
Ma il centro sociale che mi ha dato voce sopra un palco

È il primo bacio dato un pomeriggio al luna park
Ti fai il caffè più buono anche nei peggiori bar
E quando vado via so che lei rimane dentro me
È una canzone di De Andrè
So a memoria le parole, neanche so perché

Seh, non è il pusher di quartiere con il poster del padrino
È mia mamma col santino di Falcone e Borsellino
Non è una volta all'anno, tifare la nazionale
È la tua squadra di calcetto che arriva in semifinale
Da ladri di bicicletta a ladri di mazzette
E forse più che un antifurto servirebbe un antifurbo
Per me rimarrà la penisola che non c'è
La amo e la odio
Questa è l'Italia per me

È il primo bacio dato un pomeriggio al luna park
Ti fai il caffè più buono anche nei peggiori bar
E quando vado via so che lei rimane dentro me
È una canzone di De Andrè
So a memoria le parole, neanche so perché
Questa è l'Italia per me
Questa è l'Italia per me
Questa è l'Italia per me



Credits
Writer(s): Alessandro Aleotti, Alessandro Merli, Federico Leonardo Lucia, Fabio Clemente, Paolo Catalano
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.