Tutto l'universo - Giovanni Truppi

In capa mia ci sta tutto l'universo
E l'universo è Dio, e allora chi?
In capa mia ci sta tutto l'universo
E l'universo è Dio, e allora chi sono io?

Quell'uomo è un giovane uomo
Più o meno della mia età
Che da bambino prometteva bene
Voleva bene alla mamma
Voleva bene al papà
Era timorato
Era appena nato

Facciamo che Dio era il padre
E la terra la madre
Animali, pianeti e stelle
Zii, zie, fratelli e sorelle

All'inizio camminava carponi
Poi si è alzato in piedi
E sono cominciate le complicazioni

In capa mia ci sta tutto l'universo
E l'universo è Dio, e allora chi sono io?

I primi anni di vita non se li ricorda
Tra il cervello di ora e di quello di allora
Si è perso ogni contatto, sarà la sopravvivenza
Se ci pensi un bambino piccolo sembra un matto
Se lo vedevi allora era perso tra forme, colori e suoni
Poi è cresciuto e sono cominciate le semplificazioni

L'educazione è stata di quelle un po' all'antica
Tutti e due i genitori erano tipi tosti
Il padre lo vedeva poco ma gli bastava quello
La madre sempre intorno indaffarata a fare questo e quello
Però gli anni passavano senza troppi problemi e senza vera paura
Ed è cresciuto forte, molti paccheri e qualche coccola
Era tutto un'avventura

In capa mia ci sta tutto l'universo
E l'universo è Dio, e allora chi sono io?

È stato solo dopo che sono cominciati
I primi dubbi, le prime insicurezze
Le ansie sul sesso, i pudori, le incertezze
Cominciava a vergognarsi, a reprimersi e a comportarsi da cretino

L'uomo non era più bambino, era diventato ragazzino
Seguirono anni scuri, di esplosioni profonde
Di ansie, depressioni, e lotte con le onde
Poi per farsi forza mise da parte certe cose e si concentrò sulla razionalità
Cominciò a snobbare la mamma e a litigare con il papà

Finché una crisi imprevista arrivò ad un momento
Con voglia di nuove verità e di cambiamento
Improvvisamente si sentiva vecchio, solo, senza futuro e pieno di incertezza
Ma poi capì che la sua vita non era finita
Anche se qualcosa di importante era successo
Era finita la sua giovinezza

E sono secoli che ci prepariamo
E con un'astronave o con un pensiero
Noi lasceremo Dio e la Terra e ce ne andremo
Li riabbracceremo se ritorneremo

In capa mia ci sta tutto l'Universo
E le galassie, e le costellazioni
Stelle e pianeti a milioni di milioni
E l'universo è Dio, e allora chi sono io?
In capa mia ci sta tutto l'universo
E l'universo è Dio, e allora chi sono io?
Stelle e pianeti a milioni di milioni
E l'universo è Dio, e allora chi sono io?
In capa mia ci sta tutto l'universo
E l'universo è Dio, e allora chi...
Stelle e pianeti a milioni di milioni



Credits
Writer(s): Marco Buccelli, Giovanni Truppi
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.