E pensare che c'era il pensiero - Giorgio Gaber

Il secolo che sta morendo
è un secolo piuttosto avaro
Nel senso della produzione di pensiero.
Dovunque c'è, un grande sfoggio di opinioni, piene di svariate
Affermazioni che ci fanno bene e siam contenti
Un mare di parole
Un mare di parole
Ma parlan più che altro i deficienti.

Il secolo che sta morendo
Diventa sempre più allarmante
A causa della gran pigrizia della mente.
E l'uomo che non ha più il gusto del mistero, che non ha passione
Per il vero, che non ha coscienza del suo stato
Un mare di parole
Un mare di parole
è, come un animale ben pasciuto.

E pensare che c'era il pensiero
Che riempiva anche nostro malgrado le teste un po' vuote.
Ora inerti e assopiti aspettiamo un qualsiasi futuro
Con quel tenero e vago sapore di cose oramai perdute.
Va' pensiero su l'ali dorate
Va' pensiero su l'ali dorate.

Nel secolo che sta morendo
Si inventano demagogie
E questa confusione è il mondo delle idee.
A questo punto si può anche immaginare che potrebbe dire
O rinventare un Cartesio nuovo e un po' ribelle
Un mare di parole
Un mare di parole
Io penso dunque sono un imbecille.

Il secolo che sta morendo
Che sembra a chi non guarda bene
Il secolo del gran trionfo dell'azione
Nel senso di una situazione molto urgente, dove non succede
Proprio niente, dove si rimanda ogni problema
Un mare di parole
Un mare di parole
E anch'io sono più stupido di prima.

E pensare che c'era il pensiero
Era un po' che sembrava malato, ma ormai sta morendo.
In un tempo che tutto rovescia si parte da zero
E si senton le noti dolenti di un coro che sta cantando.

Vieni azione coi piedi di piombo vieni azione coi piedi di piombo.



Credits
Writer(s): Giorgio Gaberscik, Alessandro Luporini
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.