Medley Napoletano (Live) - Gigi D'Alessio

fernesce napule!
nun po' mai nascere: nisciune te po' assumiglia' m'
che pozzo fa?
e fa finta che era na carezza fatta solo un po' piu' forte primm'
e te pute' abbraccia'.
ha vennuto è nu pazzo '
tremmo quando t'
avvicine sulo si cammini quella ragazzina all'
pure quando dico no,
parla solo la mia mente mentre il cuore lo imbavaglio pecche' vo' parla'.
a forza capita',
se sape gia' ch'
mezza ascummigliata staje durmenno tu. '
a cammisa che annascunn'
e sere te lasso stu core,'
forze pecche' sti cose tu nun me l'
e' fatte maje forse le cene assurde coi bastardi amici tuoi nu tribunale nfame pronto sul'
a cundanna' che mentre faje e servizie je sento a radio e vo' canta'.
maronna saje che scuorno quand'
a sape' che proprio tuo marito comm'
amante po' tene' na guagliuncella nat'
a nu vascio a sanita' che sbaglia l'
e maje capito niente pecche' nun tiene sentimenti diverse'
e sto nfunnenno ancora cu chist'
uocchie chella storia vecchia '
e senza scuorno pure a chi nun saccio doppo nu minuto '
a voglio raccunta' e dint'
e juorne ca cunsuma '
a voglio bene sempe,
che ce pozzo fa?
tu nun hai colpa,
io sulo aggio sbagliato quando m'
ha lassato a me spusa' cu te,
ero accorto ca ce stive tu,
pure si chesta canzona nova nun te po' piace'.
a gente ca si ancor'
a via pecche' nun te ne cacci'
ha data dio '
addore do cafe',
e sti quartiere si te a mettere a ffa' ammore nun ce vonno assaje denare pecche' so diverse a te so troppo belle e sanno pure vesti' fotomodelle un po' povere c'
pecche' se vonno spusa'.
o vommero gia' tiene,
chi te vo' nu sacco '
a sanita' pecche' la' chi te vo' bene pure ngopp'
annare'" quanta guaglione hanno fatto spusa' "
comme si fragile" e "
a tutte quante vulesse abbraccia' quanno se metteno a chiagnere e mentr'
mo che è stanca a voce mia,
appoco cca', pecche' io a tutte sta gente nun voglio lassa'!
stu cielo fa paura!
appiccia e fa rummore!
e o stesso temporale o sta facenno dint'
me sento nu criaturo ca nun ha avuto niente sotto all'
di notte è finito un amore che aveva il sapore del latte.
stanotte non cancello l'
pure a luna ncazzata ce ll'
ave cu tte' sti mumente manch'
e nun farte tucca',
annammur' maie a colpa nun è solo a toja tu nun '
ira essere tu,
ma po' dio cu nu lamp'
e facette tremma' le dicette a cchiu' bella va faccio nventa' sulamente si er'
e sante e a dio raccuntann"
sta mezza bugia nun vulesso resta' na mez'
guagliunce',
tu faje cchiu' belle tutt'
guagliunce',
ca pure a vierno gir'
a mezze maneche m'
appicceco ogni sera cu muglierema ha visto ca tu piace pure a mme'.
comme te piace e ghi' a balla',
arraccumann vir'
stennimmece na mano ca nun ce sta nisciuno carnale comme a nuie,
o raccontano a napule nfaccia e mure de viche puo' leggere a storia e sta bella citta'.
o raccontano a napule nfaccia e mure de viche puo' leggere a storia e sta bella citta'!



Credits
Writer(s): luigi giuliano, vincenzo d'agostino
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.