Fratello pop - Niccolò Agliardi

Da solo un pantalone largo non fa stile
Se manca una scintilla, un senso alle parole
Che a volte dire grazie è più che dire figo
Ma i tuoi discorsi come calamite a un frigo
Mi lasciano smarrito e poi perfino solo
Fratello, con amore, ma vaffanculo
Attento alle domande, a fare quelle giuste
Potrebbero arrivare pure le risposte
Ma tu difendi me, che ti difendo anch'io
Fratello, siamo uguali, ognuno a modo suo
Semplifichi fin dove arriva il tuo controllo
Ed io ho la pelle d'oca pure nel cervello
Ma tu dal cuore in mano e pochi complimenti
Fratello, che ti adoro, togliti davanti
Lontano da insegnarti quello che non so
Ma il mondo non è solo una vetrina pop
Stai qua, e chiedimi come va
Usa parole leggere
E finalmente possiamo rischiare la felicità
E chiedimi come sto
Tutte le volte che credi, e tutte le volte che posso ti risponderò
Ti risponderò

Fratello siamo tori dentro a una corrida
E oggi ci incontriamo sulla stessa strada
A parcheggiare amori e sogni in doppia fila
E a spingere la vita a corto di miscela
Ma quando il mondo non è fatto su misura
Allora dimmi pure che c'hai paura
Io sono un criminale a perdere l'istante
Amando sempre il prima, il dopo e mai il durante
E tu che sul durante hai fatto il tuo talento
Ma nulla ci commuove più del nostro pianto
Lontano da insegnarti quello che non so
Ma il mondo non è solo una vetrina pop
Stai qua, e chiedimi come va
Usa parole leggere, e finalmente possiamo rischiare la felicità
E chiedimi come sto
Tutte le volte che credi, e tutte le volte che posso ti risponderò
Ti risponderò

E chiedimi un giorno anche come mi sento
Chiedimi sotto che stella mi oriento
La musica, il sesso, le donne, il denaro
Che cosa divide o ci unisce davvero
Le notti, gli affetti, il mio solo governo
Milano d'estate, Milano d'inverno
Vent'anni li balli, li bruci, li suoni
A trenta cominci a pensare a domani
Che è fatto di luci, biscotti e bandiere
Qualcuna la cambi, ma quelle più vere le tieni
E arrivano piano che neanche ti accorgi
I venti più venti, quei figli e i ricordi
E noi ci sentiamo, o ci sentiremo
Appena possibile fratello ti chiamo
E poi ci vediamo, si, e poi ci vediamo
E allora ti senti davvero più grande, più solo, più forte, con nuove domande
Che a volte rispondi, altre volte fai finta
E aspetti che arrivi qualcuno che senta, coi piedi per terra
E lo sguardo che punta in alto e colpisca quel punto d'incontro perfetto
Fratello, rispetto
Fratello, ancora, rispetto



Credits
Writer(s): a. branca, n. agliardi
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.