Quanto darei - Rocco Hunt feat. Ensi

Ehi Rocco Hunt
Vai mo
Fabio Masta
direttamente da Torino
fratmo Ensi

Ho una canon nella mente
ed ogni immagine è un ricordo
i tatuaggi nel cervello
le esperienze che non scordo
fare tardi con gli amici
ed inventare scuse ai tuoi
verso il limite e bruciarlo fare tutto ciò che vuoi
ho visto piangere mia mamma e da quel giorno son cambiato ho messo il cuore nella musica e qualche dio poi mi ha pregato
mio padre è uno spazzino, mia madre casalinga
è grazie a loro che ho capito il valore della famiglia
non mi abituo a sto successo perché ho sempre lavorato
Dio lodato per questa chance che m'ha dato
se Dio esiste io spero che ci perdoni, Stop
se non esiste ho fatto bene a credere all'hip-hop
io non ci credo nella favola di Peter Pan
si cresce e si spacca sindrome di Rocco Hunt
un poeta urbano col diploma privato
alzo il dito medio ai prof che mi hanno bocciato

Quanto darei per ritornare indietro in braccio a lei bevendo dal biberon
ora mi accorgo che son grande schiacciato da un mondo gigante
a cui importa poco come sto
Quanto darei per ritornare indietro quei giorni che per sempre ricorderò
ora mi accorgo che son grande schiacciato da un mondo gigante
a cui importa poco come sto

Rocco Hunt (Rocco Hunt, Rocco Hunt...)
Ensi (Ensi, Ensi...)

Printing lupe nella mente affiora
più di un ricordo e ancora
così vivido che sembra sia passata un ora
più di un brivido lungo la mia colonna vertebrale
e una canzone al giorno da suonare la mia colonna sonora
e fare di più
più di tutte queste puttanate
nella memoria incisa la mia storia in queste strade
vedo mia madre che cucina
mio padre fuma in corridoio
e noi giochiamo scalzi lungo il ballatoio
una famiglia normale dove i soldi
non sono mai stati abbastanza per comprare i sogni
ma i valori sono forti
e i sacrifici dei miei genitori
mi hanno fatto forte dentro molto più che fuori
per questo era tutto un sogno e forse pure troppo
ora capisci perché ogni successo vale il doppio
un terzo dito a chi non ci ha mai dato un aiuto
c'è un po' du voi in ogni barra che sputo
vi saluto

Quanto darei per ritornare indietro in braccio a lei bevendo dal biberon
ora mi accorgo che son grande schiacciato da un mondo gigante
a cui importa poco come sto
Quanto darei per ritornare indietro quei giorni che per sempre ricorderò
ora mi accorgo che son grande schiacciato da un mondo gigante
a cui importa poco come sto
Quanto darei per ritornare indietro in braccio a lei bevendo dal biberon
ora mi accorgo che son grande schiacciato da un mondo gigante
a cui importa poco come sto
Quanto darei per ritornare indietro quei giorni che per sempre ricorderò
ora mi accorgo che son grande schiacciato da un mondo gigante
a cui importa poco come sto



Credits
Writer(s): ROCCO PAGLIARULO, FABIO ORZA, JARI IVAN VELLA
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.