Ragazza sbagliata - Fedez feat. Dargen D'Amico

Lo so la carità è la regina delle virtù
Ma la virtù della regina non è la carità
Vuoi gli orecchini coi brillanti e mille anelli coi diamanti
Ma io non so nemmeno che persona ho d'avanti e quindi
C'è il mio cuore in mare, chiama la guarda costiera, siamo il re e la regina rimasti sopra la scacchiera
Che per quanto si possano amare sulla carta, sono destinati a mangiarsi l'uno con l'altra
Ti guardo con l'occhio "Dai, lo faccio o non lo faccio?"
Mentre tu mi hai già messo la maionese sul braccio
E mordi, e poi dimmi di che cosa sa
E mordi, poi dimmi che sapore ha

Galleggio come un fiore di loto, mi sono perso in un bicchiere mezzo vuoto, me la faccio tutta a nuoto
Immersa negli studi alla statale di Milano, più che bagaglio culturale, il tuo è un bagaglio a mano
Poco importa, baby facciamola corta, traffico la pelle viva, perché sei una gatta morta
Ti vedo distratta, hai le orecchie di ovatta,
Devi aiutarmi a togliere il nodo a questa cravatta
Lo sai che dal mio tetto si vede Manhattan?
Io ti invito, ma tu vieni come mamma t'ha fatta
La terra è rotonda ma questa vita è piatta e ti prego non sputare sul mio cuore di latta

So già perché tu sei qui, le tue intenzioni

So già come sei, le tue parole poco sono poi
Na na na na na na na na
Na na na na na na na
Na na na na na na

Tu non mi freghi

Le giovani donne oggi guardano solo la superficie, non sanno manovrare una lavatrice
Non ti stirano le camicie, ma io non ci sto e vado a lamentarmi dalla direttrice
Signora, prendimi per come sono
Anche se non suono, anche se non ho il permesso di soggiorno
E allora prendimi, in camera, in cucina o in cantina, fammi scivolare nel solco la puntina
Sono strano, lo so, sono un Dio pagano,
E ancor più strano è il fatto che mi pàgano in discoteca faccio baccano e sono banale
A casa invece faccio uhm, baccanale-anale
Ti chiama la mia segretaria, ti comunica la data, al prossimo tu sei l'unica invitata
Io e te distesi nella quarta dimensione, potrai raccontarmi quanto ti manca alla pensione
E il pomeriggio successivo a ballare la salsa, come due Wonder Woman in menopausa
Due regine bastonate da una vita agra,
Pensavi fosse amore e invece era viagra

So già perché tu sei qui, le tue intenzioni

So già come sei, le tue parole poco sono poi
Na na na na na na na na
Na na na na na na na
Na na na na na na
Tu non mi freghi
Na na na na na na na na
Na na na na na na na
Na na na na na na
Tu non mi freghi
Na na na na na na na na
Na na na na na na na
Na na na na na na



Credits
Writer(s): FAUSTO COGLIATI, FEDERICO LEONARDO LUCIA, SIMONE BENUSSI, JACOPO D'AMICO, VINCENZO CATANZARO
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.