Scuola calcio (feat. Ensi,Rayden) - Raige feat. Ensi & Rayden

C'era una volta un campetto di periferia
Coi pali corrosi dal sole ma io mi sentivo come a casa mia
Addosso la maglia di Alex tu invece c'hai quella di Sheva
Dai cazzo ma chissenefrega
Per noi era come una preghiera
Lo capisce soltanto chi c'era
Li chiamano gli anni della formazione
Noi pensavamo solo a quale formazione
Paolo sulla fascia vaporetto
Corse al centro io in mezzo
Tra I pali avevamo Pagliuca Vincenzo
Renato era un Recoba
Raffaele bomba Napoli Maradona
È pure meglio della tipa meglio della droga
Lo capisce chi lo prova

Non avevamo pubblico no
Eppure a noi ci sembrava San Siro
E no non ero l'unico
Ma tanti li ho persi finiti nel giro
A diventare grandi ci vuole coraggio
Capire se tirare o fare un passaggio
La vita è la più grande scuola di calcio
Che c'è, che c'è

Ricordo partite infinite finite venti a venticinque
Tipo che perdi il conto dei goal chi fa questo vince
A tutto campo anche se eravamo cinque contro quattro
Parte il contropiede
Sale anche il portiere e tutti in attacco
Ehi
Non c'era ne curva ne cori ma andava bene
I panni sui balconi sembravano bandiere
Per le punizioni non avevamo un buon piede
Siamo cresciuti soli ma siamo cresciuti insieme
Con la fede per il bomber
Prega San Siro prega San Paolo
Che alle volte
I sogni entrano in rete dopo un palo
Senza un arbitro né un guardalinee
È un attimo guarda che vite
Prima il vuoto poi il boato tre fischi alla fine

Non avevamo pubblico no
Eppure a noi ci sembrava San Siro
E no non ero l'unico
Ma tanti li ho persi finiti nel giro
A diventare grandi ci vuole coraggio
Capire se tirare o fare un passaggio
La vita è la più grande scuola di calcio
Che c'è, che c'è

Cresciuti nei campetti tra polvere ed erba
Senza pensare a quello che la vita ti riserva
Felici con un tango ed un Supertele
Un colpo di tacco nel sette via le ragnatele
In radio Battisti e Mogol
Negli occhi le prodezze di Baggio e di Batigol
Manca quella semplicità l'essenza
All'insegna della spensieratezza
Importa l'ultimo che tocca la traversa
Anni prima di andiamo a Berlino di Caressa
Partite infinite tipo Holly e Benji
Maglie in terra come pali i tempi erano quelli
Sporchi e sudati quale galateo
L'oratorio come il Bernabeu
Ora conto meno del mio valore reale
Perché sono esploso tardi come Di Natale

Non avevamo pubblico no
Eppure a noi ci sembrava San Siro
E no non ero l'unico
Ma tanti li ho persi finiti nel giro
A diventare grandi ci vuole coraggio
Capire se tirare o fare un passaggio
La vita è la più grande scuola di calcio
Che c'è, che c'è



Credits
Writer(s): ALEX ANDREA VELLA, ANDREA SPIGAROLI, RICCARDO GARIFO, MARCO ARATA, JARI IVAN VELLA, MARCO RICHETTO
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.