Costellazioni di kebab - Anastasio

Seduto al divanetto rifletto
Ma che cazzo esisto a fare?
E guarda quella come muove il culo
Ne avessi uno così magari saprei ballare
Magari c'avrei qualcosa da mostrare a qualcuno
Invece di starmene seduto qua a prendermela a male
Fingendo di pensare chissà a cosa di geniale
Il fatto è che non so ballare, mi manca la stamina
E i grammi non mi tolgono i diaframmi dall'anima
E guarda come muove il culo quella stronza
Ci proverei, non ho il coraggio della sbronza
E poi per dirle cosa? Che il volume è così alto
Che non si capisce un cazzo manco se m'impegno
Stare lì a ballare come un legno, un fantoccio
Il solito belloccio mo si ruba la mia fata
E la farcisce a mo di orata al cartoccio
Finisce la serata, archiviata e dimenticata, quindi mi appoggio
A un corrimano coi pensieri in contromano
E con lo sbrocco che mi sale piano
Due dita in gola come le modelle
Mi piego e vomito un cielo di stelle

Sul tappetino che dice "welcome"
Vomito rosso
E posso intravedere costellazioni di kebab
E nebulose di pastiere
Sul tappetino che dice "welcome"
Vomito rosso
E posso intravedere costellazioni di kebab
E nebulose di pastiere

È certo che la stronza il culo lo sapeva muovere
E chissà quanti ne faceva rodere
Ma non lo sai che non mi do pace
Fin quando non saprai di cosa son capace
So fare i cerchietti di fumo e ho smesso di fumare
So suonare la chitarra ma non frega a nessuno
Che nel mio gruppo la suonano tutti
La suonano i brutti per rimorchiare
E i belli per strafare
Vabbè non sono niente di speciale però rappo
Ecco questo lo so fare
E in generale parlare mi riesce facile
Ma solo con chi sa che sono fragile
E non ho nulla più da dimostrare
E nel momento del bisogno mi blocco
Una finzione di troppo
E le mie maschere si guastano in blocco
Tu rifiutami un bacio così mi metti a mio agio
Io ci sguazzo nel ruolo del rifiutato
E fai cadere una decina di maschere al pavimento
Le altre dieci me le tengo, è questione di un momento
Il giorno che mi guardi dentro fai piano
Magari ti innamori ma io sarò già lontano chilometri

Sul tappetino che dice "welcome"
Vomito rosso
E posso intravedere costellazioni di kebab
E nebulose di pastiere
Sul tappetino che dice "welcome"
Vomito rosso
E posso intravedere costellazioni di kebab
E nebulose di pastiere

Sul tappetino che dice "welcome"
Vomito rosso
E posso intravedere costellazioni di kebab
E nebulose di pastiere
Sul tappetino che dice "welcome"
Vomito rosso
E posso intravedere costellazioni di kebab
E nebulose di pastiere



Credits
Writer(s): gianluigi fontanella, marco anastasio
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.