Poppe poppe poppe - Ivan Graziani

Ma io non so com'è nata questa cosa qui e quando mai è cominciata. Sarà stata mia zia con quei seni anni cinquanta a contagiarmi in questa mia mania. Poppe, poppe, poppe poppe, poppe, poppe. Poi la mia prof. di Petralia di Sotto che aveva due tette che sembravano quattro. E cosa dire della Preside, laureata in Ostetricia aveva due spade proprio dentro la camicia. Scollature, panettoni rigoglio sano di femminili ormoni colline bianche e solchi misteriosi dove si appuntano gli sguardi dei golosi perché al mondo, al mondo ci sono troppe poppe, poppe, poppe poppe, poppe, poppe. E mi ricordo dal barbiere le donnine profumate con quelle tette da illusioni disperate.
E dal meccanico della Pirelli il calendario aveva in copertina un seno leggendario. E non ho mai guardato più in giù della cintura perché è di sopra che si esprime la natura. E io voglio annegare nella gommapiuma su due tette ricoperte di bagnoschiuma. Scollature, panettoni rigoglio sano di femminili ormoni colline bianche e solchi misteriosi dove si appuntano gli sguardi dei golosi perché al mondo, al mondo ci sono troppe poppe, poppe, poppe poppe, poppe, poppe.
That's right.



Credits
Writer(s): i. graziani
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato