Ribelli senza causa - Ensi

Le panchine come un privè
Le lattine come un Moet
Due cartine e il castello brucia sognando di essere re
Con dell'erba per colazione, fra' il quadro è quasi un Manet
Ma ci fa solo impressione svegliarci ed essere te
Quando basta uno sguardo per capirsi non resta
Che fare branco perché la testa è la stessa
A scuola l'ultimo banco, "scusi professoressa
Posso andare al bagno che tanto non mi interessa?"
Poi in 3 su di una Tigra, in zona girando a zonzo
Fischiare ad ogni figa, Illmatic in sottofondo
Volevamo prenderci tutto
Tutto e vedere il mondo
Quel testo dice che è nostro
Quindi sei con o sei contro
Ma impari che gira storto e va fuori asse
Ne ho visti, mostri fare fuori anche i fuoriclasse
Dicevo che non sarò io fuori dalle casse
Ma a casa ne parlavo a Dio come se mi ascoltasse

Senza paura, senza pausa
Senza misura fino alla nausea
Siamo venuti su, ribelli senza causa
Siamo venuti su, ribelli senza causa
Senza paura, senza pausa
Senza misura fino alla nausea
Venuti su ribelli senza causa
Imparando da soli come stare qua
Senza paura, senza pausa
Senza misura fino alla nausea
Venuti su ribelli senza causa
Imparando da soli come stare qua

Le periferie, le compagnie come un esercito
Persi in queste vie, tra fabbrica e deserto
Clima desertico, estate e inverno, l'inferno rimane identico
Come il nord, bro non dimentico
Ricordo più di uno messo male
Ma siamo cresciuti uguale
Ognuno coi suoi drammi chiuso in un garage
A fumare fino a tardi
E immaginare noi da grandi
E ora che siamo grandi dimmi che si fa
Che ognuno va per la sua strada
Chi i figli e la moglie a casa col mutuo e la busta paga
Chi invece non l'ha trovata e tratta ancora la vita da troia
Così l'ha interpretata, che se tutto quadra è noia
Io vendicato dal rispetto, dall'affermazione
Dal rappresentare ste persone e renderle orgogliose
Poteva andare molto peggio, non è andata male
Sta vita mi voleva morto e mi ha reso immortale

Senza paura, senza pausa
Senza misura fino alla nausea
Siamo venuti su, ribelli senza causa
Siamo venuti su, ribelli senza causa
Senza paura, senza pausa
Senza misura fino alla nausea
Venuti su ribelli senza causa
Imparando da soli come stare qua
Senza paura, senza pausa
Senza misura fino alla nausea
Venuti su ribelli senza causa
Imparando da soli come stare qua

Imparando da soli come stare qua



Credits
Writer(s): JARI IVAN VELLA, MARCO PREMOLI, ANDREA GRECO
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.