Niente di speciale - Lo Stato Sociale

Come faccio a dirti che non mi piace
Il nome di tua sorella, il tuo freno a motore
Il tuo tenermi nascosto agli occhi del mondo
Quando è il mondo che non sai guardare

E tutti i tuoi consigli servono a poco
Sono bravissimo a sbagliare da solo
Come faccio a tenere lontana questa canzone da chi
Non la deve ascoltare

Se sapesse quanto ho scritto di te
Ti farebbe un contratto il mio editore
Mi porteresti a Sarajevo
Nell'autunno dei 30 anni
E non dovresti più lavorare

E cammino al telefono su un giro di DO
Anche adesso che un po' ho imparato a suonare
Perché sei come me
Più sei leggera
Meno sei superficiale

Ti ho sognato in un ufficio FS
Cantavi in francese allo sportello reclami
Ti prendevano in giro tutti i miei amici
Travestiti da ballerine e da nani

Di che cosa hai paura davvero
Forse che la gatta scappi per le scale
Non sai quanto invidio gli animali
Loro capiscono sempre da chi tornare

Vorrei una domenica pomeriggio
Per ogni lunedì che non ho saputo iniziare
Ma siamo una storia che non si può dire
Non abbiamo niente di speciale

Non fosse che io ho paura di crescere
E tu quella di nuotare
E sai dirmi che mi ami ma solo finché
Non si esce dall'ascensore

Eppure lo senti anche tu
Che abbiamo fatto
Lo stesso errore

Lo sai che chi ci dorme nei letti
Ha la bocca aperta per abboccare
Sai che è facile odiare il terremoto
Il difficile è costruire

Sai che ho provato pena per te
Non scegliere, scegliere di subire
Non è sognare che aiuta a vivere
È vivere che deve aiutarti a sognare

E allora tieniti pure la coperta
Sono bravissimo ad avere freddo da solo
Tieniti il tuo egoismo discreto se non
Sei capace di averlo alla luce del sole

Tieniti le mie parole
Che hai 35 mq da arredare
Anzi tienimi ancora i capelli, senza te non so più
Respirare

Ti ho sognato in un ufficio FS
Cantavi in francese allo sportello reclami
Ti prendevano in giro tutti i miei amici
Travestiti da ballerine e da nani

Di che cosa hai paura davvero
Forse che la gatta scappi per le scale
Non sai quanto invidio gli animali
Loro capiscono sempre da chi tornare

Vorrei una domenica pomeriggio
Per ogni lunedì che non ho saputo iniziare
Ma siamo una storia che non si può dire
Non abbiamo niente di speciale

Non fosse che io ho paura di crescere
E tu quella di nuotare
E sai dirmi che mi ami ma solo finché
Non si esce dall'ascensore

Eppure lo senti anche tu
Che abbiamo fatto
Lo stesso errore

Tienimi le mani
Non annegherai
Tienimi le mani
Non annegherai
Tienimi le mani
Non annegherai
Tienimi le mani
Non annegherai
Tienimi le mani
Non annegherai

Potrà capitarti di bere
Ma non annegherai
Ogni volta che scegli, tu scegli
Il tipo di schiavo che non sarai



Credits
Writer(s): Enrico Roberto, Matteo Romagnoli, Francesco Draicchio, Alberto Guidetti, Alberto Cazzola, Lodovico Guenzi
Lyrics powered by www.musixmatch.com

Link

Video consigliato

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.