«CONFESSO CHE HO STONATO - Gianni Mura» la recensione di Rockol

Gianni Mura - CONFESSO CHE HO STONATO - la recensione

Recensione del 25 mag 2017 a cura di Franco Zanetti

Voto 8/10

La recensione

Perché poi, alla fine, dai, diciamocelo: quando uno scrive bene leggi volentieri tutto quello che scrive, anche se riguarda argomenti dei quali magari non sei appassionato, come, che so, lo sport o la cucina. E siccome sul fatto che Gianni Mura scriva bene non ci piove, e non ci piove nemmeno sul fatto che leggi volentieri le cose che lui scrive di sport e di cucina, anche se tu sei allergico allo sport (alla cucina molto meno, ma ai prezzi dei ristoranti sì, eccome), allora, quando Gianni Mura scrive di musica e zone collegate, come fai a non leggere volentieri quello che ha scritto in questo suo librino (la definizione non è riduttiva della qualità, ma riguarda il numero di pagine – 110 – e il formato tascabile) che inaugura una collana non troppo fantasiosamente intitolata Note d’Autore e diretta per Skira da Alberto Tonti e Gianni Biondillo?

Dentro “Confesso che ho stonato” (questo sì, un bel titolo – anche se già usato da Stefano D’Orazio dei Pooh per l’autobiografia del 2002) e sotto la sua copertina (bella anche la copertina, disegnata da Altan) ci sono pagine che parlano di musica e di cantanti, e che ne parlano con la tenerezza e la passione di chi, per fortuna, pensa che le “canzonette” siano una cosa preziosa.

Fra i capitoli più affettuosi, quelli dedicati a Sergio Endrigo, a Enzo Jannacci e Beppe Viola e quello in lode della fisarmonica: ne sottoscrivo ogni riga. Ma per non fare il buonista, o quello che parla troppo bene dei libri scritti da colleghi giornalisti (anche se io mi sento indegno di essere chiamato collega di Gianni Mura, che secondo me è uno Scrittore con la esse maiuscola), ecco, diciamo che le sei pagine intitolate “Sorelle di tagli” (sulle canzoni censurate), beh, non aggiungono niente al resto del libro.
Che costa solo 13 euro, e comunque li vale tutti.

(Franco Zanetti)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.