«STORIA DELLA RCA – LA GRANDE PENTOLA - Ennio Melis» la recensione di Rockol

Ennio Melis - STORIA DELLA RCA – LA GRANDE PENTOLA - la recensione

Recensione del 12 set 2016 a cura di Franco Zanetti

(Zona, 168 pagine, 18 euro)

Voto 7/10

La recensione

Devo alla cortesia personale di Anna Maria Angiolini Melis l’aver potuto tenere in mano il libro di cui sto per parlarvi (l’editore me ne aveva inviato una copia in .pdf, ma non è mia abitudine leggere libri sul computer).

A undici anni dalla scomparsa – avvenuta nel 2005 – la vedova del “mitico” direttore generale della RCA Italiana ha rielaborato, insieme a Elisa De Bartolo, materiale scritto e iconografico lasciato dal marito raccogliendolo in un volume che ripercorre, dal punto di vista ovviamente privilegiato di chi quella storia l’ha fatta in prima persona, le vicende che hanno portato alla nascita e al successo della grande casa discografica italiana. Si tratta di una lettura avvincente e istruttiva, ricca di episodi e aneddoti di prima mano, che lascia un solo rimpianto: quello che non sia stato possibile – o che non si sia pensato di farlo quando sarebbe stato ancora possibile – approfondire con una serie di dialoghi e interviste i ricordi personali di Ennio Melis. Il risultato, infatti, è inevitabilmente condizionato dalla mancata interazione con un editor/intervistatore che avrebbe potuto sollecitare e stimolare la memoria di Melis, andando a fondo o ampliando con ulteriori dettagli certi spunti che avrebbero meritato di essere espansi.
Anche così, però, il libro costituisce un tassello fondamentale di quella storia dell’industria musicale italiana della quale si sente la mancanza, e che forse un giorno potrà finalmente essere scritta.


Franco Zanetti
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.