«THE PIED PIPER OF HUTZOVNA - Gogol Bordello» la recensione di Rockol

Gogol Bordello - THE PIED PIPER OF HUTZOVNA - la recensione

Recensione del 01 dic 2008

La recensione

I Gogol Bordello, negli ultimi anni sono diventati un caso, grazie alla loro musica, alla loro immagine, al cinema (la collaborazione a “Ogni cosa è illuminata”), all’interessamento di personaggi famosi come Madonna e grazie ad un personaggio vero, il loro leader, Eugene Hutz.
Ora Hutz torna al cinema, ma da protagonista di un documentario, girato dal filmaker Pavia Fliescher, che lo accompagna nella sua terra di origine, l’Ucraina, alla riscoperta delle sue radici musicali.
Più che un film su Hutz, è un film sulla musica dell’est europeo, sulle sue tradizioni. Peccato che manchino i sottotitoli italiani, anche se sono presenti numerosi extra: un “making of”, diverse clip musicali e trailer.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.