«A NIGHT AT THE FAMILY DOG - Artisti Vari» la recensione di Rockol

Artisti Vari - A NIGHT AT THE FAMILY DOG - la recensione

Recensione del 01 ott 2007

La recensione

A cavallo tra anni Sessanta e Settanta San Francisco fu uno dei maggiori centri artistici mondiali. Nella città californiana, infatti (in special modo nel quartiere di Haight-Ashbury), vi fu una vera e propria esplosione di poeti, pittori, musicisti e di chiunque avesse un suo modo di esprimere ed esplorare la creatività in modo originale.
Il produttore televisivo ed editorialista jazz Ralph J. Gleason si accorse dell’emergente scena rock cittadina e decise così di creare diversi documentari televisivi che ponessero sotto i riflettori questo crescente movimento musicale. “A night at the family dog”, prima parte di una doppia pubblicazione (la seconda verrà pubblicata a breve), è un DVD che raccoglie alcune delle performance andate in onda sul canale National Educational Television Network. E’ il febbraio 1970 quando sul palco del Family Dog di San Francisco si esibiscono tre nomi che faranno, ognuno a modo proprio, la storia del rock: Santana, Grateful Dead e Jefferson Airplane.
Il video inizia con il chitarrista di origini messicane e la sua band alle prese con “Incident at Neshabur” (che verrà inclusa qualche mese dopo nel secondo lavoro “Abraxas”) ed uno dei suoi cavalli di battaglia “Soul sacrifice”. I lisergici Grateful Dead in quel periodo stavano diventando uno dei punti di riferimento del rock psichedelico, reduci dalla pubblicazione di uno dei dischi dal vivo più belli di sempre (“Live/Dead”) ed in procinto di dare alla luce il nuovo album “Workingman’s dead”. Sul palco del Family Dog compare ancora Ron “Pigpen” McKernan e la formazione esegue “Hard to handle”, “China cat sunflower” e “I know you rider”.
Terzi protagonisti sono i Jefferson Airplane, all’epoca la band più famosa della San Francisco Bay Area, con ben sei dischi di successo alle spalle. In quest’occasione eseguono “The ballad of you and me and Pooneil” e “Eskimo blue day”.
Una vera chicca è la Super Jam finale che vede salire sul palco Carlos Santana, Jerry Garcia (Grateful Dead) ed i Jefferson’s Jorma Kaukonen, Jack Casady e Paul Kantner, uniti in un’improvvisazione di ben 15 minuti.
“A night at the Family Dog” è un buon documento su un periodo ed un luogo fondamentali per la storia del rock, in particolare per la branca psichedelica. L’unica pecca è forse la breve durata del filmato (solo 58 minuti), che avrebbe potuto essere pubblicato in un'unica uscita anziché suddividere il materiale in due parti.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.