«LIVE AT MONTREUX 1974-1980 - Van Morrison» la recensione di Rockol

Van Morrison - LIVE AT MONTREUX 1974-1980 - la recensione

Recensione del 23 gen 2007

La recensione

L'adesivo sulla copertina dice “Il primo DVD di Van Morrison”. L'irlandese è un artista che, discograficamente, fa un po' quello che gli pare, e se lo può permettere visto il credito artistico accumulato in anni di musica straordinaria. Succede così che quando tutti si sono buttati da tempo sulla nuova gallina dalle uova d'oro, i DVD musicali, lui lascia che la sua prima uscita nel campo sia “semi-officiale”.
“Live in Mountreux” è infatti l'ennesima pubblicazione video tratta dagli archibi noto festival jazz, curata anche in questo caso dalla Eagle Vision (l'etichetta più attiva nel settore DVD musicali). In un catalogo fatto di nomi non sempre di primissimo livello e quindi rivolto soprattutto ai fan, questa è probabilmente dell'uscita più rilevante, anche se il contenuto non soddisfa appieno le aspettative.
Si tratta infatti di 2 dvd, il primo con un concerto del 1980, con un Van Morrison chiaramente di cattivo umore, per di più in un fase della sua carriera che lui stesso, definì con il titolo di un suo disco “Un periodo di transizione”.
Il secondo DVD invece è uno show (più breve, 9 canzoni) del 1974, nel periodo d'oro dell'irlandese. L'umorale Van Morrison appare decisamente più in forma, ma la tracklist non è delle migliori (quella del primo è un po' meglio, con classici come “Moondance” e “Tupelo honey” alternati ad altri meno noti). Entrambi i concerti sono circolati abbondantemente in passato come bootleg audio.
Contenuti extra (inesistenti) a parte, “Live at Montreux 1980-1974” è una bella occasione persa: un documento interessante, ma per il primo vero DVD di Van Morrison bisognerà attendere la pubblicazione di qualcosa di più significativo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.