«LIVE AT THE ALBERT - Robbie Williams» la recensione di Rockol

Robbie Williams - LIVE AT THE ALBERT - la recensione

Recensione del 30 gen 2002

La recensione

Quello che si dice uno spettacolo: non solo Robbie Williams ha deciso di rifarsi l’immagine (e la credibilità artistica) incidendo un disco di brani dell'era swing, ma ha pure messo in piedi un mega-evento alla storica Royal Albert Hall di Londra per presentare le canzoni nell’atmosfera tipica dei Night Club di Las Vegas tra gli anni ’50 e ’60. Il concerto, considerato dalla stampa inglese l’evento mondano dell’anno scorso -vedi news- e trasmesso in prima serata dalla BBC, è stato recentemente pubblicato anche in DVD e video cassetta. Vale la pena vederlo, non solo perché il progetto in sé è riuscitissimo. Se avete ascoltato i brani del repertorio di Sinatra, Dean Martin e Sammy Davis Jr. inclusi su “Swing when you’re winning” vi sarete resi conto che Williams ha centrato il bersaglio: le interpretazioni sono belle, con la giusta dose di ironia e reverenza. Tutto questo si ritrova, amplificato, in “Live at the Albert”: uno spettacolo mastodontico, in cui un Williams in giacca e cravatta e sempre più calato nella parte di “Ol’ blue eyes” si fa accompagnare da un’orchestra e dà sfogo a tutte le sue pulsioni esibizioniste. Da vero performer e protagonista, Williams tiene la scena, canta (bene), recita, dà vita a gag e interagisce con gli ospiti (il presentatore Rupert Everett, Jane Horrocks, Jon Lovitz e Jonathan Wilkes –manca sulla scena Nicole Kidman, seduta tra il pubblico). Belle le trovate sceniche (soprattutto quella dello schermo che richiama i vecchi cartelloni dei teatri), più discutibili alcune idee come il duetto virtuale con Sinatra in “It was a very good year”, che già aveva lasciato perplessi sul disco: il confronto tra le due voci è ovviamente impietoso, l’interazione tra un persona in carne ed ossa sul palco ed una scomparsa ma presente in video su un megaschermo di cattivo gusto. A parte questo unico difetto, il concerto vale la pena di essere visto: in scaletta (non riportata sul DVD) sono presenti tre canzoni non incluse sul disco: “Let's face the music & dance”, "The lady is a tramp” e “My way”. Ottima la qualità delle immagini e delle riprese (si tratta pur sempre di una co-produzione BBC), mentre gli extra del DVD consistono in due documentari, uno sul concerto, uno sul disco.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.