«HOWL - Mighty Oaks» la recensione di Rockol

Mighty Oaks - HOWL - la recensione

Recensione del 16 mag 2014

La recensione


I Mighty Oaks, band composta dall'americano Ian Hooper, dall'italiano Claudio Donzelli e dall'inglese Brit Craig Saunders, dopo aver raggiunto il successo in Germania (paese in cui i tre vivono) approdano anche in Italia con l'album "Howl". Il disco d'esordio della band, formatasi a Berlino nel 2010, ha come tema centrale quello della natura ("Howl" è una parola onomatopeica che sta ad indicare l'ululato di un lupo quando vede la luna), ma attraverso i testi malinconici scritti da Hooper tratta anche altri temi come quello dell'avventura, della libertà e dell'amore. "Howl" contiene dodici brani, tra cui il singolo di lancio "Brother", i cui arrangiamenti si basano per lo più sul suono delle chitarre acustiche e dei mandolini.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.