«LA VIA DELLA SETE - Nuklearte» la recensione di Rockol

Nuklearte - LA VIA DELLA SETE - la recensione

Recensione del 25 mag 2004

La recensione

I Nuklearte sono un gruppo siciliano di world music nato dall’unione artistica di due musicisti: Ramya e Maurizio Cucuzza.
“La via della sete” contiene dodici brani nei quali percussioni, sitar e tablas, si fondono con loops e campionamenti elettronici, il tutto accompagnato da chitarra, basso, batteria e tastiera. I testi, dai temi sociali e pacifisti, sono cantati in cinque differenti lingue: italiano, inglese, siciliano, djulà e lingala. Nel booklet di questo album, viene riportata la dichiarazione dei diritti universali dell’uomo redatta il 10 dicembre 1948 a Parigi.

TRACKLIST

01. Acqua Jiva Sakti
02. Soki moy etiki mokilitè
03. Satariu
04. Anime
05. Soweto
06. Gorè
07. Fuoco e luci
08. Sangolo Ni Korò
09. Human mandala
10. Muassi ya mai
11. Master
12. Satariu remix
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.