«SHAKE YOUR MONEY MAKER (30TH ANNIVERSARY DELUXE) - Black Crowes» la recensione di Rockol

Il rock, secondo i Black Crowes

Esce la ristampa di un classico, uno dei dischi che negli anni '90 hanno segnato la rinascita delle chitarre: "Shake Your Money Maker”

Recensione del 25 feb 2021 a cura di Gianni Sibilla

Voto 8/10

La recensione

L'ultimo concerto che avrei dovuto vedere prima della pandemia era quello dei Black Crowes: nel febbraio 2020, dopo il Festival di Sanremo dovevo andare a Londra alla presentazione del tour e della reunion. Poi una questione famigliare mi fece rimanere a Milano e ci andò solo un collega. Pensai che tanto li avrei rivisti a novembre: invece dovremo attendere la fine del 2021, se andrà bene. Piccola grande consolazione, nel frattempo: finalmente arriva la ristampa di  "Shake Your Money Maker”, che ha compiuto 30 anni l'anno scorso.

Gli anni '90 e il rock

Quando uscì questo disco ero un ragazzino alla continua ricerca di nuovo rock. Me lo consigliò un amico-mentore grande appassionato di blues, che mi faceva cassettine con i classici. Sua moglie aveva il negozio di dischi della città (esiste ancora: grazie Muzak!) e quando arrivò me lo suggerì. Mi ricordo bene l'effetto che mi fece: un album spiazzante e potente, molto diverso dalla musica che girava intorno in quel periodo. Era l'inizio del 1990 e il grunge non era ancora esploso. Fu amore a prima vista: sono rimasti una delle mie band preferite, nonostante tutto e nonostante la telenovela che ha visto i due fratelli Robinson lavare i panni sporchi in pubblico fino a quella che sembrava la fine, del 2013.

 Con il senno di poi, il mio album preferito della band rimane "Amorica", che sarebbe arrivato 4 anni dopo e conteneva quella sequenza pazzesca "Ballad in urgency"/"Wiser time". Ma "Shake Your Money Maker” suona ancora benissimo oggi, forse perché suonava già fuori dal tempo allora: tra gli Stones e il blues rock, con vette assolute come "Jealous again" e le ballate "She talks to angel" e soprattutto "Sister luck", con quell'incrocio tra la voce iper espressiva di Chris e le chitarre di Rich (qua, se interessa, c'è la storia completa del disco)

La ristampa

Nella versione 3 CD, "Shake your money maker" è notevole: il secondo CD contiene diversi inediti, tra cui due demo dei Mr. Crowe's Garden, la band pre-Black Crowes: c'è anche la prima versione di "She talks to angels". Anche tra i demo e gli inediti ci sono cose notevoli: la mia preferita rimane la versione rock di "Jealous guy" di John Lennon.

Il box si chiude con un concerto: ne hanno pubblicati molti, soprattutto dagli anni zero in poi - furono una delle prime band a usare nugs.net, la piattaforma dei bootleg ufficiali. Ma questo è notevole: denominato "The Homecoming Concert", fu quello del ritono a casa alla fine del 1990, ad Atlanta, dopo che il disco era esploso. Le versioni delle canzoni del disco sono ancora più potenti, e in scaletta ci sono inediti come "You’re Wrong" o brani che sarebbero apparsi sul secondo album "Shake ‘Em On Down". Ma andate dritti alla versione rock blues di "Get back" dei Beatles: uno spettacolo.
Non vedo l'ora di rivederli dal vivo.

 

TRACKLIST

#1
01. Twice As Hard (04:11)
02. Jealous Again (04:36)
03. Sister Luck (05:14)
04. Could I've Been So Blind (03:44)
05. Seeing Things (05:18)
06. Hard To Handle (03:08)
07. Thick N' Thin (02:42)
08. She Talks To Angels (05:30)
09. Struttin' Blues (04:10)
10. Stare It Cold (05:15)
11. Mercy, Sweet Moan (01:10)

#2
01. Charming Mess (03:33)
02. 30 Days In The Hole (03:46)
03. Don't Wake Me (03:35)
04. Jealous Guy (04:57)
05. Waitin' Guilty (03:04)
06. Hard To Handle - With Horns Remix (03:12)
07. Jealous Again - Acoustic Version (04:50)
08. She Talks To Angels - Acoustic Version (06:23)
09. She Talks To Angels - Mr. Crowe's Garden Demo (05:11)
10. Front Porch Sermon - Mr. Crowe's Garden Demo (03:58)

#3
01. Introduction - Live - Atlanta, December 1990 (00:16)
02. Thick N' Thin - Live - Atlanta, December 1990 (02:42)
03. You're Wrong - Live - Atlanta, December 1990 (06:32)
04. Twice As Hard - Live - Atlanta, December 1990 (04:23)
05. Could've Been So Blind - Live - Atlanta, December 1990 (04:15)
06. Seeing Things - Live - Atlanta, December 1990 (05:51)
07. She Talks To Angels - Live - Atlanta, December 1990 (06:20)
08. Sister Luck - Live - Atlanta, December 1990 (05:36)
09. Hard To Handle - Live - Atlanta, December 1990 (03:30)
10. Shake 'Em On Down - Live - Atlanta, December 1990 (04:28)
11. Get Back - Live - Atlanta, December 1990 (04:55)
12. Struttin' Blues - Live - Atlanta, December 1990 (05:01)
13. Words You Throw Away - Live - Atlanta, December 1990 (13:44)
14. Stare It Cold - Live - Atlanta, December 1990 (05:19)
15. Jealous Again - Live - Atlanta, December 1990 (05:38)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.