«WACHITO RICO - Boy Pablo» la recensione di Rockol

No, Boy Pablo non è un trapper latino

Il nome e il titolo del disco, "Wachito Rico", possono trarre in inganno: ma dietro c'è una band indie norvegese che scrive canzoni niente male, che non ti stanchi mai di ascoltare. La versione adolescenziale di Mac DeMarco? E se fosse un complimento?

Recensione del 11 gen 2021 a cura di Mattia Marzi

Voto 7,5/10

La recensione

Cosa sono le vacanze di Natale, per chi scrive di musica, se non un modo per recuperare uscite arretrate e dedicargli finalmente il tempo che meritano? Questo disco è uscito lo scorso ottobre, dividendo gli appassionati della scena indie. Perché sì, sebbene il nome dell'artista (Boy Pablo) e il titolo ("Wachito Rico") facciano pensare che si tratti dell'ennesimo fenomeno del latin pop partito dai sobborghi di un cittadina di Porto Rico, in realtà i Boy Pablo sono una band norvegese - ma nelle vene del frontman scorre proprio sangue sudamericano: ha origini cilene - che fa musica indie pop.

La stroncatura

A stroncare il disco è stata la Bibbia del genere, Pitchfork, assegnandogli un punteggio di 4,1 su 10 (comunque meglio dell'1,6 dato a "Anthem of the peaceful army" dei Greta Van Fleet...). La versione adolescenziale e paracula di Mac DeMarco e una copia spudorata dei Real Estate, l'ha definito in sostanza il recensore. Non aspettatevi niente di sconvolgente, l'avvertimento. In effetti "Wachito Rico" non è nulla di così esaltante: una manciata di canzoni senza troppi fronzoli pensate per intrattenere nel pomeriggio il pubblico di qualche festival musicale (come il Coachella, dove i Boy Pablo suonarono nel 2019), in attesa dell'headliner della giornata. Ma proprio per questo si fa ascoltare molto volentieri, se vi piace il genere.

Esordio sulla lunga distanza

L'album segna di fatto l'esordio sulla lunga distanza di Nicolas Muñoz e soci, dopo una manciata di singoli e un paio di Ep.

Il gruppo cominciò a far parlare di sé nel 2017, quando un articolo di Complex fece notare che gli algoritmi di YouTube consigliavano compulsivamente agli utenti di guardare il video della loro "Everytime", pubblicato sul canale dell'etichetta indipendente 777 (no, non ha niente a che vedere con la Triplosette della Dark Polo Gang). Anche in quel caso, niente di così fenomenale: una clip girata in maniera amatoriale in cui i componenti della band si limitavano a suonare la canzone sulla banchina di un fiume, al tramonto. Il video oggi conta 35 milioni di visualizzazioni, più di qualunque altro video non solo dei Boy Pablo (quello di "Losing you" ha totalizzato 14 milioni di views, quello di "Sick feeling" poco più di 9 milioni), ma degli artisti del roster della label. La storia di come il video di "Everytime" sia riuscito a ottenere quelle cifre su YouTube, i Boy Pablo l'hanno raccontata alla stessa testata ed è una storia lunga: in sostanza, sarebbe stato tutto merito del passaparola virtuale.

Le canzoni

Sia quel che sia, al di là di queste speculazioni contano le canzoni.

E se "Everytime" dal 2017 su Spotify ha raccolto la bellezza di 76 milioni di streams, il doppio delle views su YouTube, un motivo ci sarà. "Wachito Rico" contiene dieci canzoni davvero niente male, che non ambiscono a lasciarti di stucco ma ti fanno volentieri compagnia mentre fai un giro in bici, due passi in centro o - perché no? - prepari la cena, tra sintetizzatori e tastierine Anni '80 ("I hope she loves me back"), chitarrine funky su ritmi vagamente sudamericani ("Hey girl", "Come home"), ritornelli da sing-alone ("Leave me alone!", "Mustache") e passaggi più intimisti ("I <3 u"). La canzone che vi farà innamorare dell'album intero è "Te vas // don't go": una ballata acustica per cuori spezzati da ascoltare guardando attraverso il vetro appannato della finestra, alla ricerca di chissà poi che cosa. E se essere la versione adolescenziale di Mac DeMarco fosse un complimento?.

TRACKLIST

01. i hope she loves me back (03:20)
02. hey girl (03:07)
03. leave me alone! (02:53)
04. honey (04:14)
05. rest up (03:24)
06. te vas // don’t go (05:40)
07. aleluya (01:33)
08. come home (04:04)
09. mustache (02:45)
10. vamos a la playa (00:26)
11. wachito rico (03:34)
12. nowadays (01:19)
13. i <3 u (04:15)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.