«QUALCOSA DI NUOVO - Max Pezzali» la recensione di Rockol

Max Pezzali ci canta "Qualcosa di nuovo"

Il cantautore nato a Pavia nel suo nuovo album racconta storie di amore e amicizia, nostalgia e futuro.

Recensione del 30 ott 2020 a cura di Paolo Panzeri

Voto 7,5/10

La recensione

Cinque anni dopo "Astronave Max", pubblicato nel 2015, esce il nuovo album di Max Pezzali, "Qualcosa di nuovo". Qualche mese fa, era giugno, insieme a Lodo Guenzi di Lo Stato Sociale, il cantautore di Pavia aveva dato vita ai DPCM Squad. Un progetto nato per raccogliere fondi per dare sostegno ai professionisti del mondo dello spettacolo in grave difficoltà economica a causa del diffondersi della pandemia da Coronavirus con il brano "Una canzone come gli 883". Perchè è dal Covid-19 che si deve partire, un virus che ha stravolto le nostre vite e anche i progetti di Max. Il nuovo album, infatti, non si sarebbe dovuto chiamare "Qualcosa di nuovo" e doveva uscire nel mese di aprile, per poi essere presentato in concerto, con un doppio appuntamento allo stadio Meazza di Milano, in luglio. Il virus ha spostato i concerti in avanti di un anno (con la speranza che possano avere luogo), il disco di sei mesi. Al disco scritto in precedenza si è aggiunta "Qualcosa di nuovo", che oltre a fare da trait d'union tra i vari brani, ha avuto l'onore di regalare il titolo all'album. Come ha avuto modo di dichiarare Max: "E' un po' la canzone che rappresenta l'album. "Qualcosa di nuovo" perché abbiamo bisogno dopo quello che abbiamo vissuto e che stiamo ancora vivendo e perché avevo bisogno di un filo che unisse tutte le canzoni che ho fatto recentemente e che facesse vedere una luce oltre l'orizzonte".

Le canzoni

"Qualcosa di nuovo" è una canzone che invita a non lasciarsi sopraffare dagli eventi perché, anche nei momenti di maggiore sconforto, esiste un qualcosa di nuovo che aiuta e motiva a proseguire nel proprio cammino. Fondamentalmente è una canzone d'amore, ma può essere declinata e interpretata in altre situazioni. Di amore e di amicizia parla Max. Come al solito, viene da dire, aggiungendo, dopo un secondo di pausa, un 'per fortuna'. E come al solito usa un linguaggio personale che si fa universale: comprensibile, diretto, educato, semplice. Un linguaggio che comunica il suo pensiero sempre intriso di ottimismo (a volte leggermente amaro) e descrive ciò che viene colto dal suo sguardo rivolto verso le umane minuzie. Max non è più un ragazzino - tra un paio di settimane compie 53 anni – è inevitabile che le priorità nella sua vita siano mutate e facciano capolino, nei suoi brani, temi più 'adulti' quali la nostalgia e la morte ('Ed invece ora eccoci qua/ma qualcuno sappiamo che non ci sarà/però è come se fosse con noi/chi ha un posto nel cuore non se ne va mai', in "Noi c'eravamo"). Insieme a J-Ax fa un tuffo nel passato che è quello della sua generazione in "7080902000" ('In moto la miscela al 4%/buttava fuori un fumo grigio densissimo/in giro senza casco come dei deficienti/perché allora era legalissimo/l’idolo della compagnia era quello che impennava meglio/e che frenava per ultimo'). La società con lo scorrere del tempo cambia profondamente, ma in fondo i ragazzi, in ogni epoca, rimangono sempre gli stessi, hanno gli stessi sogni e le medesime aspirazioni, come viene ricordato in "I ragazzi si divertono" oppure in "Siamo quel che siamo" che gode del featuring di GionnyScandal. Mentre "Più o meno a metà" descrive con la dovuta (auto)ironia la situazione di chi vive l'età di mezzo con le 'difficoltà' di voler restare al passo con un mondo che ha modificato i codici di accesso ('Le mie sneakers da teenager/e il mio denim retro-chic/mi difendono dal tempo/fingo di crederci/Degli occhiali da vicino/vorrei non avere/bisogno mai per restare un po’ bambino/non dovere cambiare mai/il mio punto di vista mai'). Poi c'è l'amore che non può mancare: quello più classico, quello che – magari con differenti modalità - scalda il cuore ad ogni età, quello cantato in "Non smettere mai", "Se non fosse per te" e, con Tormento, in "Sembro matto".

La storia di Max, la storia di tutti

La canzone quindi rimane la stessa e continua a piacere. Su YouTube i video dei singoli già pubblicati prima dell'uscita del disco – "Welcome to Miami", "In questa città", "Sembro matto" e "Qualcosa di nuovo" – fanno segnare numeri di un certo spessore. Max ha un pubblico affezionato che lo segue. Un pubblico che gode, si diverte, sogna, riflette (eh sì, non solo il trattare dei massimi sistemi porta alla riflessione) ascoltando le sue canzoni che sono recepite come piccoli capitoli di una grande storia che poi è la storia magari non di tutti, ma di molti.

TRACKLIST

01. Qualcosa di nuovo (03:03)
02. Non smettere mai (04:01)
03. 7080902000 (feat. J-Ax) (03:40)
06. In questa città (03:24)
09. Noi c'eravamo (04:12)
10. Siamo quel che siamo (feat. Gionny Scandal) (03:18)
11. Il senso del tempo (03:21)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.