«WILDFLOWERS & ALL THE REST - Tom Petty» la recensione di Rockol

I fiori selvaggi di Tom Petty tornano a fiorire

Uno dei dischi più belli del classic rock vede finalmente la luce in una forma simile a quella che aveva pensato il suo autore.

Recensione del 15 ott 2020 a cura di Gianni Sibilla

Voto 9/10

La recensione

"Wildflowers” è considerato uno dei dischi più belli della lunga carriera di Tom Petty. Uscì nel '94, fu il secondo da solista e almeno nominalmente senza gli Heartbreakers; venne accolto bene, ma Petty non ne fu mai del tutto soddisfatto. E già nel 2015 accarezzò l’idea di rimetterci mano: non se ne fece nulla perché morì nel 2017 e perché dopo le figlie di primo letto litigarono con la seconda moglie - come ha documentato un recente lungo reportage. In cui curiosamente non viene mai citato Tony Dimitriades, il suo manager storico e amico, probabilmente finito in mezzo alle due parti come caprio espriatorio per la gestione dell'eredità musicale.
Tant'è: il dato vero è che finalmente abbiamo per le mani questo megabox che rende giustizia ad uno dei periodo più creativi di uno dei più grandi rocker americani di sempre.

Una storia tormentata
Petty nei primi anni ’90 era in stato di grazia, e in grave difficoltà personale: un matrimonio in crisi, problemi dentro la sua storica band, gli Heartbreakers. Riversò tutto in “Wildflowers”, che usò come flusso di coscienza in canzoni che anticiparono il divorzio dalla prima moglie. Tecnicamente è un disco solista, il secondo della sua carriera. Ma di fatto gli Heartbreakers - una delle migliori rock band statunitensi - sono tutti presenti, fatta eccezione per il batterista Stan Lynch: era lui il problema musicale e relazionale nel gruppo; venne rimpiazzato da Steve Ferrone, che si sarebbe unito al gruppo ufficialmente l'anno dopo. L'altro motivo che rese unico "Wildflowers" fa la collaborazione con Rick Rubin: meno rock, più folk. Insomma: più libertà creativa, più autonomia.
Petty incise una gran quantità di canzoni. Voleva fosse un doppio, ma accettò di pubblicarlo come singolo: era il primo album con la Warner e non voleva forzare la mano. Ma rimase sempre dell'idea che era un lavoro incompiuto, a maggior ragione perché una parte delle canzoni rimaste fuori finì nella sfortunata colonna sonora del film "She's the one" del '96.  

Cosa continene il box
Risolte le beghe legali, ecco “All the rest”, in due versioni: una con un secondo album intitolato "All The Rest" e una una con oltre 50 canzoni aggiuntive tra inediti, demo e live. I primi due dischi rappresentano un "Wildflowers" più vicino alla visione di Petty: una tracklist autografa per la versione doppia non è mai stata trovata, ma le 10 canzoni di "All The Rest" (di cui 5 inedite) sono belle quanto le 15 della versione singola - che contengono capolavori come "You Don’t Know How It Feels" e "Crawling Back To You".
Il terzo CD è di demo (15 canzoni, di cui 3 inedite e le versioni sono tutte mai pubblicate). Il quarto è l'album, dal vivo: Petty scelse di andare comunque in tour con gli Heartbreakers - e l'impatto della band sui brani è spettacolare (basta sentire la versione da 11 minuti di "It's good to be king").

La canzone imperdibile
Tutto l'album è imperdibile, per gli amanti del rock americano. Ma se dovessimo isolare un brano o due, allora "Leave Virginia Alone" nelle due versioni - uno di quei brani che farebbero la fortuna di un cantautore normale e che per Petty era una outtake - o la versione demo completamente diversa di "Crawling Back To You".

Tracklist:
CD1: Wildflowers

01 Wildflowers
02 You Don’t Know How It Feels
03 Time To Move On
04 You Wreck Me
05 It’s Good To Be King
06 Only A Broken Heart
07 Honey Bee
08 Don’t Fade On Me
09 Hard On Me
10 Cabin Down Below
11 To Find A Friend
12 A Higher Place
13 House In The Woods
14 Crawling Back To You
15 Wake Up Time

CD2: All The Rest
01 Something Could Happen
02 Leave Virginia Alone
03 Climb That Hill Blues
04 Confusion Wheel
05 California
06 Harry Green
07 Hope You Never
08 Somewhere Under Heaven
09 Climb That Hill
10 Hung Up And Overdue

CD3: Home Recordings
01 There Goes Angela (Dream Away)
02 You Don’t Know How It Feels
03 California
04 A Feeling Of Peace
05 Leave Virginia Alone
06 Crawling Back To You
07 Don’t Fade On Me
08 Confusion Wheel
09 A Higher Place
10 There’s A Break In The Rain (Have Love Will Travel)
11 To Find A Friend
12 Only A Broken Heart
13 Wake Up Time
14 Hung Up And Overdue
15 Wildflowers

CD4: Wildflowers Live 
01 You Don’t Know How It Feels
02 Honey Bee
03 To Find A Friend
04 Walls
05 Crawling Back To You
06 Cabin Down Below
07 Drivin’ To Georgia
08 House In The Woods
09 Girl On LSD
10 Time To Move On
11 Wake Up Time
12 It’s Good To Be King
13 You Wreck Me
14 Wildflowers

TRACKLIST

01. Wildflowers - 2014 Remaster (03:09)
02. You Don't Know How It Feels - 2014 Remaster (04:47)
04. You Wreck Me - 2014 Remaster (03:22)
07. Honey Bee - 2014 Remaster (04:57)
09. Hard on Me - 2014 Remaster (03:46)
11. To Find a Friend - 2014 Remaster (03:22)
15. Wake Up Time - 2014 Remaster (05:17)
16. Something Could Happen (04:34)
17. Leave Virginia Alone (04:15)
18. Climb That Hill Blues (02:32)
19. Confusion Wheel (04:19)
20. California (02:37)
21. Harry Green (03:53)
22. Hope You Never (03:02)
24. Climb That Hill (03:33)
26. There Goes Angela (Dream Away) - Home Recording (03:49)
28. California - Home Recording (03:38)
29. A Feeling of Peace - Home Recording (04:32)
30. Leave Virginia Alone - Home Recording (03:46)
31. Crawling Back to You - Home Recording (04:10)
32. Don't Fade on Me - Home Recording (03:28)
33. Confusion Wheel - Home Recording (04:17)
34. A Higher Place - Home Recording (03:15)
35. There's a Break in the Rain (Have Love Will Travel) - Home Recording (03:38)
36. To Find a Friend - Home Recording (03:27)
37. Only a Broken Heart - Home Recording (03:49)
38. Wake Up Time - Home Recording (05:40)
39. Hung Up and Overdue - Home Recording (02:48)
40. Wildflowers - Home Recording (02:51)
42. Honey Bee - Live (05:21)
43. To Find a Friend - Live (03:54)
44. Walls - Live (03:21)
45. Crawling Back to You - Live (05:06)
46. Cabin Down Below - Live (02:51)
47. Drivin' Down to Georgia - Live (06:22)
48. House in the Woods - Live (05:37)
49. Girl on LSD - Live (05:03)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.