«A HERO'S DEATH - Fontaines D.C.» la recensione di Rockol

I Fontaines D.C. sono passati dalle strade di Dublino agli abissi dell’esistenza

Il secondo progetto della band irlandese è maturo e profondo: conferma il grande valore di questi giovani “poeti” post-punk.

Recensione del 31 lug 2020 a cura di Claudio Cabona

La recensione

La prima canzone di “A Hero's Death”, "I Don't Belong", è una dichiarazione di intenti. "Non appartengo a nessuno", ripete più volte il cantante Grian Chatten, più propenso a mostrarci le ferite che a incendiare gli animi dei ribelli come in passato. Un passo indietro: “Dogrel”, il primo album della band irlandese, uscito nell’aprile del 2019, non solo ha permesso che sul quintetto post-punk si accendessero i riflettori del mondo, ma ne ha anche restituito una fotografia nitida. Il pezzo di apertura del primo progetto, "Big", rivendica appartenenza e ambizione, lo fa in modo sfacciato: le parole "Dublino sotto la pioggia è mia" si innestano su un pezzo punk veloce e sporco dove c’è tutta la giovane frenesia di un gruppo di ventenni che vuole prendersi il futuro.
Due punti di partenza diversi. Sembra passato un sacco di tempo e invece non è così: “A Hero's Death” arriva a poco più di un anno da quel primo folgorante sussulto, eppure è più maturo e con le radici sonore messe in mostra più sul fronte compositivo che su quello testuale. Alla faccia di chi dice che il secondo album sia uno dei più difficili, i Fontaines D.C. si sono superati.

A fare da sfondo non c’è più solo l’Irlanda: le strade sporche, i personaggi e le inquietudini dei Fontaines D.C. non hanno “casa” solo nell’isola di smeraldo, ma sono quelle di tutti, in ogni parte del mondo. Il quintetto non rimane più in superficie. Lo sguardo è più ampio, va oltre quello che vedono tutti i giorni Carlos O’ Connell, Conor Curley, Conor Deegan III, Grian Chatten e Tom Coll, che si sono incontrati per la prima volta al “British and Irish Modern Music Institute” di Dublino ancora studenti. “A Hero's Death” è stato scritto durante il tour di “Dogrel” ed è meno pregno di temi e personaggi particolari rispetto alle prime fatiche: può essere interpretato come un’unica lunga riflessione sulla condizione umana. Non c’è rassegnazione o sconfitta a priori, ma analisi: "Hai detto che sei stato sull'orlo, quindi rallenta", canta Chatten, quasi recitando come è nel suo stile, in “You said” dove gli errori del passato vengono esorcizzati perché non si ripetano. “A Lucid dream” è un caos lucido nei suoni e nelle parole, con il basso a fare da cerniera tra la parte più intensa e quella sussurrata, mentre “Living in America” sembra la colonna sonora di un cortometraggio tetro sulla libertà e sulla sua rappresentazione nella vita di tutti i giorni.

Dall’asfalto delle città irlandesi agli abissi del vivere: ascoltando un pezzo come "I Was Not Born" si capisce l’evoluzione e la voglia di andare più a fondo della band. La forza dei Fontaines D.C. è indubbiamente nei suoni, potenti e dalle tinte vintage, ma non polverosi e anacronistici. L’album è davvero vario. Dentro si possono trovare frammenti delle lezioni dei Joy Division, di Lou Reed, dei Beach Boys, dei Fall, a cui vengono spesso paragonati, e di tutto un universo capace di unire un sound riconoscibile a una scrittura di spessore. Sì, perché anche sul fronte dei testi i Fontaines D.C. hanno valore da vendere proprio come i Murder Capital e i Girl Band, altri gruppi post-punk della scena di Dublino, una nuova capitale per il genere.

A unire i cinque studenti DC, di Dublino City, ai tempi dell’università era stata proprio la poesia. Insieme formarono un collettivo che pubblicò alcune raccolte ispirate ai poeti e agli scrittori americani della beat generation, come Kerouac e Ginsberg, per poi approdare agli irlandesi Kavanagh, Joyce e Yeats. Proprio James Joyce è una guida, una luce sul pianeta dei Fontaines D.C. Il mantra di “A Hero's Death”, la cui copertina raffigura il guerriero della mitologia irlandese Cúchulainn, è “life ain’t always empty”, “la vita non è sempre vuota”, una frase martellante presente anche nella canzone che regala il titolo al progetto. Il disco si chiude con “Sunny”, scandita da una voce angelica femminile, e dalla ballata “No”, intensa e carica di sentimenti, una carezza su una ferita. I Fontaines D.C. si scavano dentro con struggimento, vedono gli eroi cadere in battaglia, ma non sono degli arrendevoli nichilisti. Trovano qualche cosa in fondo alle loro paure, ci si aggrappano e la usano per risalire a rivedere un raggio di luce.

TRACKLIST

01. I Don't Belong (04:31)
02. Love is the Main Thing (03:54)
03. Televised Mind (04:10)
04. A Lucid Dream (03:54)
05. You Said (04:36)
06. Oh Such a Spring (02:33)
07. A Hero's Death (04:18)
08. Living in America (04:57)
09. I Was Not Born (03:49)
10. Sunny (04:43)
11. No (05:09)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.