«THERE'S A RIOT GOIN' ON - Sly & The Family Stone» la recensione di Rockol

I dischi fondamentali del rock: "There's A Riot Goin' On" di Sly & The Family Stone

Un album al giorno attraverso le recensioni del libro "Rock: 1000 dischi fondamentali. Più 100 dischi di culto”, curato da Eddy Cilia e Federico (con Carlo Bordone e Giancarlo Turra) per Giunti. Ecco la nostra scelta odierna dalla sezione “Capolavori”

Recensione del 09 set 2020

La recensione

Burn, baby, burn! Un’ombra di fumo sporca la bandiera americana in copertina. C’è una rivolta in corso, avverte il titolo, e la chitarra e il basso effettati dell’introduttiva "Luv’n’Haight" fungono da evidenziatore fosforescente. L’Estate dell’Amore, della cui numerosa figliolanza è parte anche la Famiglia di Sylvester Stewart, prima formazione multirazziale (neri, bianchi, latini) e sessualmente mista a calcare le scene sia rock che funk, è lontana quattro anni. Cioè due millenni. Il festival di Woodstock (tre giorni di pace-amore-musica, ma anche fango e sesso promiscuo e pessime droghe e vibrazioni, grandi affari, speculazioni, monnezza), che ha visto in Sly e accoliti i mattatori massimi con Hendrix e Santana, dista due anni. Cioè quattro millenni. Mentre la rielezione plebiscitaria di Nixon incombe, i ghetti sono inquieti, la guerra del Vietnam è in uno dei suoi momenti peggiori. Nemmeno la Famiglia sta granché bene.

Tanto che, si mormora, Sly (che di suo è messo assai male, strafatto e smarrito in deliri di megalomania e paranoia) in studio fa quasi tutto da solo. Bizzarramente, come con i Love disperati di FOREVER CHANGES, ne sortisce il capolavoro del gruppo. Livido nelle atmosfere ma non nei testi e con belli sprazzi di serenità comunque, come il successone "Family Affair" (prima composizione pop a utilizzare una batteria elettronica), la wonderiana (& wonderful) "Just Like A Baby", la caraibica "Spaced Cowboy". Altrove il funk è duro come non mai ("Brave & Strong") e politicamente esplicito ("Thank You For Talkin’ To Me Africa"). Ma il viaggio (seducenti incrostazioni lisergiche in Time), che in DANCE TO THE MUSIC e LIFE (entrambi 1968) e STAND! (1969) era stato una policroma festa, è quasi finito. Per arrivare all’epilogo manca giusto che si squagli una delle più grandi sezioni ritmiche di sempre: il batterista Greg Errico lascia in quello stesso 1971, il bassista Larry Graham lo imita l’anno dopo. Manca che Sly, dopo un paio di più che dignitose uscite in proprio (FRESH del 1973, SMALL TALK del 1974), si arrenda definitivamente ai suoi demoni.

Il testo qui sopra riprodotto è tratto, per gentile concessione dell'editore e degli autori, dal volume "Rock: 1000 dischi fondamentali. Più 100 dischi di culto” , curato da Eddy Cilia e Federico Guglielmi (con Carlo Bordone e Giancarlo Turra) , edito da Giunti nel 2019.  Il libro è acquistabile qui.

TRACKLIST

02. Just Like a Baby (05:11)
03. Poet (03:01)
06. There's a Riot Goin' On (00:04)
07. Brave & Strong - Single Version (03:29)
08. (You Caught Me) Smilin' - Single Version (02:54)
09. Time (03:04)
10. Spaced Cowboy (03:58)
13. Runnin' Away - single master (02:42)
14. My Gorilla Is My Butler - Instrumental (03:10)
15. Do You Know What? - Instrumental (07:14)
16. That's Pretty Clean - Instrumental (04:12)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.