«NEW RIVER HEAD - Bevis Frond» la recensione di Rockol

I dischi fondamentali del rock: "New river head" dei Bevis Frond

Un album al giorno attraverso le recensioni del libro "Rock: 1000 dischi fondamentali. Più 100 dischi di culto”, curato da Eddy Cilia e Federico (con Carlo Bordone e Giancarlo Turra) per Giunti. Ecco la nostra scelta odierna dalla sezione “Culti”.

Recensione del 09 ago 2020

La recensione

Pensando a un artista rock di culto è molto probabile che il primo nome a venire in mente sia quello di Nick Saloman, londinese classe 1953 che fin da giovanissimo, nei tardi anni ’60, si è consacrato a un sound filo-hendrixiano tra hard e psichedelia, portando avanti in regime di autarchia o al massimo di sostanziale indipendenza una carriera che prosegue tutt’oggi e che nei decenni è stata documentata da un numero elevatissimo di lavori e di progetti. The Bevis Frond, a seconda delle circostanze alias o autentica band, è il principale e ha preso il via nel 1987 con MIASMA, LP autogestito come molti dei suoi successori – un’abbondante ventina solo gli album veri e propri – con il marchio della Woronzow Records.

Doppio nell’edizione in vinile, NEW RIVER HEAD è uno degli articoli più apprezzati della produzione e allinea venti brani che proiettano magicamente nell’ultimo scorcio di Sixties: una retromania sfacciata al punto di risultare alla fine fuori dal tempo, sostenuta dall’alto livello della scrittura, da una rimarchevole perizia alla chitarra, da un sound sempre sanguigno, da un canto che sa essere assieme aspro ed evocativo. La scoperta d(e)i Bevis Frond può partire da qui, ma la qualità della discografia è tanto omogenea che dovunque si peschi lo si fa bene.

Il testo qui sopra riprodotto è tratto, per gentile concessione dell'editore e degli autori, dal volume "Rock: 1000 dischi fondamentali. Più 100 dischi di culto” , curato da Eddy Cilia e Federico Guglielmi (con Carlo Bordone e Giancarlo Turra) , edito da Giunti nel 2019.  Il libro è acquistabile qui.

TRACKLIST

01. Intro (00:19)
02. White Sun (03:28)
03. Drowned (06:56)
04. She's Entitled To (05:00)
05. Waving (03:17)
06. Down In The Well (02:38)
07. New River Head (05:23)
08. Solar Marmalade (08:19)
09. Wild Jack Hammer (05:24)
10. He'd Be A Diamond (02:45)
11. Undertaker (02:11)
12. Stain On The Sun (08:39)
13. It Won't Come Again (06:21)
14. Son of Many Mothers (03:20)
15. Blurred Vision (06:37)
16. God Speed You To Earth (07:21)
17. Motherdust (05:31)
18. Cuvie (02:31)
19. Chinese Burn (02:50)
20. Thankless Task (02:59)
21. The Miskatonic Variations II (16:23)
22. Snow (04:30)
23. My Little Empire - Bonus Track (01:27)
24. Cracked Universe (05:16)
25. Stain On The Sun - Demo (06:52)
26. Ageing Freak - Bonus Track (02:44)
27. Drowned - Demo (05:25)
28. Son Of Many Mothers - Demo (03:37)
29. Heavy On You (04:24)
30. High In A Flat - Bonus track (07:49)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.