«EUROVISION SONG CONTEST: THE STORY OF FIRE SAGA - Various Artists» la recensione di Rockol

Le canzoni dei Fire Saga fanno il verso all'Eurovision Song Contest

La colonna sonora del film "Eurovision Song Contest: The Story of Fire Saga"

Recensione del 02 lug 2020 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

“La Storia dei Fire Saga” è il nuovo film di Netflix dedicato all'Eurovision. I Fire Saga sono Lars (Will Ferrell) e Sigrit (Rachel McAdams): fin da bambini sognano di partecipare all’Eurovisio Song Contest. Si ritroveranno a rappresentare l'Islanda in mezzo a vicende sempre più improbabili, ricche di riferimenti e citazioni reali dell'Eurovision.  Per usare parole del grande critico cinematografico Fantozzi, il film è una (divertente) cagata pazzesca

Assieme al film poteva mancare la colonna sonora? Certo che no: la storia è piena di performance in stile Eurovision (una larga parte si svolge ad un'immaginaria finale ad Edinburgo). I Fire Saga cantano diverse canzoni, così come altri concorrenti immaginari e il film e ricco di partecipazioni di cantanti reali, vincitori delle edizioni passate. Per dire: questa raccolta la canzone-canzone più bella è quella che ha vinto nel 2017  "Amar pelos Dois" di Salvador Sobral, cantata nel film sotto il castello della capitale scozzese.

A parte anche "In the mirror" di Demi Lovato (che recita nel film), il resto non sono canzoni-canzoni, ma canzoni-performance il cui pregio non era la bellezza, ma di essere divertenti. Le canzoni dei Fire Saga e le altre  valgono poco, senza performance: scimiottano l'euro pop, che a sua volta è un miscuglio di generi e di imitazioni di modelli altrui. Si guarda l'Eurovision per lo spettacolo, più che per le canzoni in sé: in questa raccolta non se ne salva nessuna.
Anche il mash-up in stile "Moulin rouge" (dove ci sono pure canzoni di Madonna, Black Eyed Peas e Cher) è trascurabile. Per non parlare delle canzoni dei Fire Saga, appunto, tipo questa: il video è divertente, ma immaginate di ascoltarla e basta.

Caricamento video in corso Link

Insomma: una colonna sonora-souvenir, ma meglio vedere il film che ascoltare queste canzoni in versione solo audio.

TRACKLIST

01. Double Trouble - Tiësto's Euro 90s Tribute Remix (02:28)
02. Lion Of Love (02:47)
03. Coolin' With Da Homies (01:26)
04. Volcano Man (01:21)
05. Jaja Ding Dong (01:37)
06. In The Mirror (02:48)
07. Happy (01:26)
08. Song-A-Long: "Believe", "Ray Of Light", "Waterloo", "Ne Partez pas Sans Moi" and "I Gotta Feeling" (03:18)
09. Running With The Wolves (01:10)
10. Fool Moon (03:26)
11. Hit My Itch (02:04)
12. Come And Play - Masquerade (03:08)
13. Amar pelos Dois (03:05)
14. Husavik (03:22)
15. Double Trouble - Film Version (02:54)
16. Eurovision Suite (06:19)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.