«ALL HANDS ON THE BAD ONE - Sleater-Kinney» la recensione di Rockol

Sleater-Kinney - ALL HANDS ON THE BAD ONE - la recensione

Recensione del 14 mag 2000

La recensione

E' curioso che, mentre molta musica dance celebra la potenza dei bassi ultrapompati, ci siano in giro gruppi rock che rinunciano del tutto al basso elettrico. I Cramps avevano già sperimentato l'idea più di vent'anni fa, ma con loro le Sleater-Kinney non hanno particolari legami di parentela. La band infatti ha solide radici nel movimento riot-grrrl, e nella sua musica non c'è traccia dell'immaginario trash-horror-rockabilly caro alla band di Lux Interior e soci. In verità, le Sleater-Kinney non hanno particolari debiti nei confronti di nessuno, hanno uno stile personale e definito, e questo "All hands on the bad one" è un album decisamente riuscito. Rispetto al fortunato predecessore "The hot rock", molto ben accolto al momento dell'uscita, non ci sono cambiamenti di rilievo: l'intreccio essenziale fra due chitarre e batteria resta invariato, come pure le voci, gradevolmente ineducate, ma non sguaiate. Dal punto di vista compositivo, però, le Sleater-Kinney fanno un passo avanti e sfoderano alcuni dei loro riff migliori ("Ironclad", "Youth decay"). Le tre ragazze centrano il bersaglio quando si esprimono con secca concisione punk ("The professional"), ma anche quando rallentano e si avventurano in melodie più pop ("Leave you behind"). La polemica nei confronti dei rituali comunemente accettati nel mondo del rock rimane presente nel singolo "You're no rock'n'roll fun". Ma in fondo, si tratta solo di rendere esplicita una posizione che è già chiarissima nello stile della band, che dimostra come sia possibile fare rock trascinante e intelligente senza soccombere ai dettami imperanti di quello che nella presentazione dell'album viene chiamato "kid rock and limp rock" (serve specificare a cosa si riferiscano?), anzi, ribaltandoli praticamente tutti. Caldamente consigliato, sperando che le esagerazioni - girano giudizi come "la più grande rock'n'roll band del mondo" - non rovinino il giocattolo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.