«REUNIONS - Jason Isbell» la recensione di Rockol

Jason Isbell è il miglior cantautore rock in circolazione

Esce "Reunions", un album-capolavoro di un artista che continua a crescere.

Recensione del 15 mag 2020 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Jason Isbell è il miglior cantautore rock in circolazione in questo momento e “Reunions” è il suo disco più ambizioso. Nella recensione di "The Nashville Sound", uscito tre anni fa scrivevo "uno dei", ma oggi non ho molti  dubbi. In giro ci sono molti singer-songwriter bravi: qualcuno ha qualche anno in più di Isbell e porta avanti diginitosamente eredità importanti, ma ha da tempo passato il climax della sua carriera. C'è qualche giovane in circolazione, ma non a questo livello di maturità compositiva. Isbell ha 41 anni e mi viene in mente un solo altro nome questi paragonabile per scrittura e intensita, ma molto diverso per provenienza e suono, ed è Glen Hansard.

Isbell è cresciuto nel sud degli Stati Uniti, ma ha poco a che vedere con il southern rock. È stato più legato al country, ma da qualche tempo si è ormai smarcato dalle su origini, anche se vive e lavora a Nashville. La sua musica è classic rock, nel senso del genere musicale: continuna la tradizione di Tom Petty, di Springsteen.  Ed  è "classic rock" nel senso che, dal 2013 in poi, ha prodotto degli "instant classic": "Reunions" è forse la sua opera migliore per le canzoni e per il suono. Negli ultimi anni la sua credibilità è cresciuta esponenzialmente: i colleghi (a partire da David Crosby, presente nell'album) lo portano in palmo di mano. È stato chiamato a lavorare alla colonna sonora di "A star is born" (e la sua canzone "Maybe it's time" è stata poi riletta dal vivo da Eddie Vedder). 

Non lo abbiamo mai visto live - in Italia non ha mai suonato, poco in Europa - ma a leggere i report e ad ascoltare l'album dal vivo uscito tra il disco precedente - registrato al leggendario Teatro Ryman di Nashville - e questo anche lì non scherza. Merito anche dei 400 Unit, la sua band, che ha la potenza di fuoco degli Heartbreakers e in Sadler Vaden un grande chitarrista (e un ottimo cantautore di suo: cercate il recente "Anybody Out There?).

La prima cosa che si nota  in "Reunions" è proprio il suono della band: l'iniziale "What've I done to help" un brano di 7 minuti di rock chitarristico complesso e semplice allo stesso tempo, e la magia si ripete in "Overseas" e soprattutto in "Be afraid", con quella 12 corde elettrica in apertura: sembra uscita dal repertorio del miglior Tom Petty.
"It gets easier" parte come "Man on the moon" e prosegue come una perfetta canzone dei R.E.M.. Il collegamento c'è eccome: Isbell ha militato per lungo tempo nei Drive-By Truckers, storica band di Athens: furono anni di dipendenze da alcol e difficoltà e il ritornello di "It gets easier, but it never get easy" e il sogno iniziale ("Last i dremed that I'd been drinking") fanno riferimento a quel periodo e alla continua lotta con l'alcolisimo.

Ma la capacità di Isbell è quella di scrivere storie tanto specifiche quanto universali: è un narratore nato, e il consiglio come non mai è quello di ascoltare queste canzoni leggendo i testi - che spiccano ancora di più nei momenti più delicati, e non sono pochi anche in album dal suono così complesso.

Il disco di classic rock dell'anno? Sempre se Bruce non si decide a tirar fuori un capolavoro con la E Street Band... 

TRACKLIST

01. What've I Done to Help (06:40)
02. Dreamsicle (03:44)
03. Only Children (03:57)
04. Overseas (05:07)
05. Running with Our Eyes Closed (03:42)
06. River (03:22)
07. Be Afraid (03:19)
08. St. Peter's Autograph (04:10)
09. It Gets Easier (03:47)
10. Letting You Go (03:22)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.