«3.15.20 - Childish Gambino» la recensione di Rockol

“3.15.20” di Childish Gambino è il primo disco che racconta il prossimo decennio

Quarto disco dell'alter-ego canoro di Donald Glover. Siamo di fronte a uno dei possibili dischi dell'anno, un lavoro importante che pur senza far menzione del virus riesce a raccontare perfettamente questi tempi e i prossimi.

Recensione del 26 mar 2020 a cura di Michele Boroni

La recensione

“3.15.20” non è affatto un disco semplice e immediato. Se è vero che nelle dodici tracce del quarto lavoro di Childish Gambino (moniker dell'attore-autore-regista Donald Grover) ci sono melodie lineari e solide costruzioni soul-r&b, le soluzioni di produzione sono ostiche e gli effetti alla voce continuamente distorti. Ma siamo di fronte a uno dei possibili dischi dell'anno e - per allargarci - pensiamo che “3.15.20” di Childish Gambino rischia di essere presente anche nella lista dei dischi capaci di raccontare il prossimo decennio. 

La modalità di lancio del disco è stata particolare: domenica 15 marzo il disco è stato distribuito gratuitamente per 24 ore sul sito www.donaldgloverpresents.com, poi il silenzio. Una settimana dopo è comparso sulle principali piattaforme distribuito da Sony, senza una copertina e con la maggior parte delle canzoni con il time code come titolo, una soluzione tra “Untitled Unmastered” di Kendrick Lamar e “Yeezus” di Kanye West.  Non sappiamo se il titolo previsto fosse davvero questo, certo è che oggi l'intestazione “3.15.20”  rappresenta ancora di più la colonna sonora contemportanea al clima di incertezza che globalmente stiamo vivendo, e sicuramente i suoni non conciliatori hanno una loro forte carica espressiva coerente.  Questo disco porta avanti il discorso iniziato con “This is America”, il singolo vincitore del Grammy 2018 sulla violenza armata e la mercificazione della sofferenza nera, tra simbolismo e sarcasmo: qui invece Glover-Gambino affronta altri temi come l'insicurezza e la paura dell'ignoto, le identità violate dalla dimensione digitale e altri razzismi, ma dietro gli arrangiamenti ostici e le voci distorte c'è anche un messaggio di ottimismo in coda al disco. 

“0.00” è un prologo elettrico e allucinatorio, con quel tappeto di synth e quel “We are” come per dire che siamo tutti nelle stessa barca. “Algorythm” - bel titolo - descrive i limiti di un'esistenza online (“So very scary so binary, zero or one /
Like or dislike, coal mine canary”) su un groove che sembra uscito dalla testa di Kanye West e dove trova spazio la citazione di “Hey mr. DJ” di Zhané per poi deflagrare e passare a “Time”, uno dei pezzi più riusciti, un electro-pop pieno di idee e soluzioni melodiche, con l'ausilio della non accreditata Ariana Grande (in “12.38” compaiono invece 21 Savage e SZA), che ti viene voglia di riascoltare ancora e ancora. 

Il resto del disco è molto vario: si va dalla pop song hackerata di “19.10”, in cui si parla del pesante fardello che deriva dalla bellezza, all'afro-industrial “32.33”, una via di mezzo tra “Black Skinhead” di West e un'estensione del lavoro di Ludwig Göransson (che scrive e produce buona parte delle tracce dell'album) per la colonna sonora di Black Panther. “42.26” altro non è che “Feels like summer” già uscita nel 2018 che inserita qui fa la parte di un golden classic. 
"24.19" e "39.28", che si portano dietro le influenze di Prince, si concentrano sulle emozioni positive e negative legate dall'innamoramento. “47.48” invece non può non ricordare il miglior Wonder, quello di “Innervision” e “Talking book” per intenderci, e che porta una visione di ottimismo verso il domani, specialmente nella coda con il commovente dialogo con il figlio Legend sull'importanza e la semplicità dell'amore per le persone che ci circondano (ma anche noi stessi) necessario in questo periodo di sfiducia e paura. 
La conclusiva “53.49” tutta suonata  è catartica e liberatoria (“There is love in every moment / Under the sun, boy / You do what you wanna do”) e dove Glover-Gambino fa anche un endorsememt ai Sunday Service di Kanye West (“I'm just try to put the spirit in your Yeezy Boosts” canta).

Sembrano lontane le influenze psic-funkadeliche di “Awaken my love!” del 2016: “This is America” da una parte e la scrittura della mai troppo lodata serie tv “Atlanta” dall'altra lo hanno portato a buttarsi dentro la contemporaneità e a creare un suono originale e “d'autore” tutto suo, che mescola industrial hip-hop, soul funk ben suonato ed elettronica con un tocco di sperimentazione.Come abbiamo detto all'inizio, “3.15.20” non è un disco catchy – anzi, il primo ascolto rischia di essere respingente - ma, come tutti i dischi importanti, pensati e dal valore artistico, ha bisogno di ripetuti ascolti. 

E' un disco che racconta la nostra vulnerabilità di questo momento, della fragilità che circonda tutte quelle che erano le nostre certenzze - e in questo senso le soluzioni sonore adottate sono più che pertinenti – ma senza dimenticare un'intenzione di fiducia e speranza per il domani. 
 

TRACKLIST

01. 0.00 (02:59)
02. Algorhythm (03:32)
03. Time (06:07)
04. 12.38 (06:32)
05. 19.10 (05:08)
06. 24.19 (07:59)
07. 32.22 (03:12)
08. 35.31 (03:56)
09. 39.28 (02:59)
10. 42.26 (05:21)
11. 47.48 (06:00)
12. 53.49 (03:55)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.