«COLORES - J Balvin» la recensione di Rockol

La tavolozza sonora di J Balvin: ecco ‘Colores’

Il cantante colombiano presenta il suo nuovo album in studio in cui, come un pittore, tinge la musica reggaeton di diverse sonorità e le dieci canzoni del disco sono delle veloci pennellate di una tavolozza colorata e brillante.

Recensione del 23 mar 2020 a cura di Elena Palmieri

La recensione

Sono passati quindici anni dall’uscita dell’album “Real” che nel 2005 - anno in cui la canzone “Gasolina” di Daddy Yanke era già un tormentone in tutto il mondo, portando il reggaeton fuori dai confini di Portorico - ha segnato il debutto discografico di José Álvaro Osorio Balvin, meglio noto come J Balvin. Successivamente, grazie ad album come “La familia” del 2013, “Energia” del 2016 e “Vibras” del 2018 - complici anche canzoni come “Tranquila”, “Ginza” e “Mi gente” - l’artista, nominato “Global ambassador del reggaeton” dal New York Times, ha raggiunto il successo mondiale.

Sulla scia di hit da milioni di ascolti e visualizzazioni, dopo aver vinto diversi premi (cinque Billboard Latin Music Awards, quattro Latin Grammy Awards, due MTV Video Music Awards e quattro Latin American Music Awards) e aver collaborato con diversi artisti - come, tra gli altri, Beyoncé, Justin Bieber, Cardi B, Pharrell Williams, Daddy Yankee e Bad Bunny (con il quale J Balvin ha dato alle stampe l’album collaborativo “Oasis”, uscito il 28 giugno 2019) - il cantante nato a Medellín pubblica il suo sesto album in studio, “Colores”.

Per il nuovo album di J Balvin la formula adottata è la stessa dei suoi lavori discografici precedenti:  testi semplici e a canzoni cantate in spagnolo che, nel looro genere, funzionano. Le dieci tracce di “Colores” sono come delle veloci pennellate di una tavolozza colorata e brillante. Il titolo di ogni pezzo, infatti, corrisponde a un colore che, ripresi graficamente nella copertina del disco realizzata dall’artista giapponese Takashi Murakami, richiamano l’atmosfera dei brani. In questo album il cantante colombiano è come un pittore che tinge la musica reggaeton di diverse sonorità, rubando spunti sonori all’hip hop, all’elettronica e al pop.

Anticipato dai singoli “Blanco”, “Morado” e “Rojo”, l’ultimo album di J Balvin si apre con il suono giocoso del brano “Amarillo”, caratterizzato dal campionamento di un corno e costruito su un ritmo vibrante. Con “Azul”, però, si passa subito a una dimensione più sensuale che si ritrova anche nelle successive canzoni del disco come “Rosa”, in cui il tocco di Diplo interviene per colorare di suoni elettronici il pezzo, o “Negro” in cui la musica rallenta e l’atmosfera si fa più calda.

“Colores” è un susseguirsi di brani su cui è difficile non ballare - o anche solo accennare un movimento del capo a tempo di musica - e immaginare di essere a una festa estiva. Canzoni come, per esempio, “Verde” con Sky Rompiendo (che figura anche come produttore dell’intero disco di J Balvin), “Gris”, in cui elementi pop si fondono al reggaeton, e “Arcoiris” con Mr Eazi profumano proprio di estate e rum.

Seppur a un primo ascolto sembra non distaccarsi troppo dai precedenti lavori discografici del cantante colombiano, “Colores” sottintende un lavoro diverso. J Balvin, più che proporre un disco di canzoni pensate per essere delle hit, con questo album cerca di disegnare una propria dimensione sonora e stilistica senza uscire fuori dal mondo reggaeton ma anzi arricchendo il genere per farlo proprio. Per questo motivo “Colores” è sicuramente un prodotto più audace del predecessore, “Vibras”, anche se manca di un tormentone come “Mi gente” con Willy William capace di superare i 2 miliardi di visualizzazioni su YouTube.

TRACKLIST

01. Amarillo (02:37)
02. Azul (03:25)
03. Rojo (02:30)
04. Rosa (03:09)
05. Morado (03:20)
06. Verde (02:22)
07. Negro (03:02)
08. Gris (02:56)
09. Arcoíris (03:06)
10. Blanco (02:25)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.