«SINCERAMENTE MOSTRO - Mostro» la recensione di Rockol

"Sinceramente Mostro": quanto è difficile lasciarsi la rabbia alle spalle?

A 27 anni, il rapper romano pubblica il disco della maturità, senza rinnegarsi

Recensione del 11 mar 2020 a cura di Riccardo Primavera

Voto 6/10

La recensione

Mostro, al secolo Giorgio Ferrario, appartiene alla generazione di rapper che negli anni post-2010 ha fatto la fortuna della Honiro Label.

Sono infatti gli anni di Gemitaiz & MadMan, di Briga, di LowLow, Sercho, Luca J e tutta la NSP, gli anni di Rocco Hunt e di tutti quegli artisti che, partendo dalla label romana, hanno raggiunto un successo più o meno ampio a livello nazionale. Mostro lo ha fatto a partire dal 2012, appena ventenne, dando vita al collettivo Ill Movement, con Nick Sick e il produttore Yoshimitsu. Il successo nell'underground del loro progetto di debutto lo porterà proprio alla firma con Honiro, alla quale seguiranno l'album da solista "La nave fantasma" - nel 2014 - e l'EP "Scusate per il sangue" - realizzato insieme a LowLow -, sempre nello stesso anno. Nel 2015 arriva il mixtape "The Illest Vol. 1", mentre nel 2017 è il turno di "Ogni maledetto giorno", secondo album ufficiale. Una folta discografia, che lo ha visto quasi sempre affiancato dai produttori di fiducia, il duo Enemies - formato da Yoshimitsu e Manusso -, gli unici in grado di realizzare con puntualità le strumentali perfette per le sue liriche. L'immaginario di Mostro si caratterizza per crudezza e schiettezza: il rapper classe '92 è brutale e arrabbiato col mondo, e non perde occasione di ricordarlo, senza risparmiare black humore e versi polemici. Una vena ribelle che lo ha reso uno dei nomi più interessanti negli anni del suo esordio, e che gli ha permesso nel tempo di costruirsi un pubblico nutrito.

"Sinceramente Mostro" è il terzo album ufficiale di Mostro. L'unico featuring presente è quello di Gemitaiz in "Britney nel 2007", singolo che ha anticipato l'uscita del progetto. Le produzioni sono a cura di Enemies, ad esclusione di "Più ci provo più sbaglio", che porta la firma di Nick Sick.

"Sinceramente Mostro" è il disco che dimostra quanto, negli anni, sia cambiato Mostro; non tanto nell'approccio al rap e alla musica, quanto proprio nella maturazione personale, che si riversa di peso nelle liriche.

Certo, episodi più irriverenti e scanzonati ci sono ancora - "Britney nel 2007" su tutti, un pezzo che è quasi un crossover pop-rock -, ma in generale l'album è un di manifesto del fatto che non si può rimanere arriabbiati col mondo in eterno, specie quando il talento nella musica permette di cambiare radicalmente vita. Come successo ad illustri predecessori prima di lui - Eminem, Fabri Fibra o MadMan -, tanto per citarne alcuni, l'oscurità, la rabbia, la violenza e la depressione sono meno intense nel settimo progetto della carriera di Mostro. L'artista riflette ancora su queste sensazioni - come in "Più ci provo più sbaglio", oppure con ironia in "Un po' depresso" -, continua a renderle protagoniste dei suoi brani - come nel toccante storytelling di "Memorie di uno sconfitto, pt. 2" -, ma oltre ad averne ridotto l'ingombrante onnipresenza, sembra proprio volerne uscire, cambiare approccio. "Fuck life" ne è l'esempio più lampante, e non è un caso che si tratti del brano che chiude la tracklist. I versi paiono quasi arrivare da un'altra persona, perchè trasmettono una lucida consapevolezza della propria condizione, talmente genuina da rivelarsi disarmante. Mostro non è più un adolescente incompreso e furioso, è diventato un adulto: sa cosa non gli va a genio e non ha problemi a dirlo, ma sa anche in cosa ha intenzione di investire il proprio tempo e le proprie energie. "Sinceramente Mostro" implica che per Mostro non è più tempo di distruggere, è tempo di costruire.

 

TRACKLIST

01. Nuova luce (03:03)
02. Britney nel 2007 (02:36)
04. Tu non mi conosci (02:39)
05. Un po' depresso (03:14)
06. Nostradamus (02:29)
09. Biatch (03:13)
10. Le belle persone (03:12)
11. La città (03:22)
12. Fuck life (03:07)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.