«A NOI DUE - Michele Bitossi» la recensione di Rockol

Michele Bitossi, pop d’autore per combattere il dolore

Il cantautore genovese dopo le esperienze nei Laghisecchi e nei Numero6, abbandona il soprannome Mezzala e fa uscire “A noi due”

Recensione del 30 nov 2019 a cura di Claudio Cabona

La recensione

Il nuovo album di Michele Bitossi è nato quando non voleva proprio più saperne di mettere la testa su nuovi progetti. Prima la militanza in band come Laghisecchi e Numero6, poi il progetto solista Mezzala: una carriera lunga nel segno di un pop d’autore raffinato, un mondo artistico messo in crisi, a poco più di quarant’anni, dalla dolorosa separazione con la propria compagna dopo sedici anni di vita passata insieme. Ma come spesso accade, la musica può diventare una barca su cui salire quando soffia vento di tempesta. La voglia di scrivere e cantare è ritornata più forte che mai: da qui emergono, per esorcizzare il dolore, i dieci brani di “A noi due”, il terzo album solista del cantautore genovese. Il primo senza soprannomi, firmato semplicemente “Michele Bitossi”. Non è un caso che, per vitalità, sembri davvero un progetto d’esordio. Non c’è nulla di nuovo, non ci sono rivoluzioni, ma si percepisce una rinata energia.

I brani musicalmente sono più ricercati, meno ripetitivi rispetto al passato, ogni frammento del quadro di Bitossi ha un colore preciso. Tutti sono riconoscibili grazie al lavoro di produzione di Ivan Rossi, che ha spinto l’artista a realizzare l’album dopo il periodo buio. I testi sono più semplici rispetto alla classica poetica dell’ex leader dei Numero6, ma più centrati: il cantautore ha sfoltito le canzoni, puntando su un’intimità che sviscera il tema portante del disco, senza però appesantirlo. Il focus è sull’amore, sull’addio, sul tornare a vivere dopo la “gabbia dorata” di una lunga relazione. Le canzoni respirano e hanno ritornelli che rimangono in testa e non se ne vanno. Bitossi, in questo campo, è sempre stato un attaccante con il fiuto del gol, un intuito pop che lo ha portato a intraprendere anche la carriera di autore per diversi big della musica italiana. I punti di riferimento sono chiari e dichiarati: il Venditti dei brani da cantare a squarciagola si mescola con l’ironia di Ivan Graziani, fra le fonti di ispirazione italiane più forti per Bitossi. “A noi due”, “Un gusto strano”, “Un deserto” sono i brani che maggiormente delineano lo stile del cantautore: si pone lontano, nonostante il tema di un amore infranto, da approcci musicali e autorali tristi, ma si mostra più incline a una malinconia dalle tante tinte, anche colorate. Nel realizzare questo progetto Bitossi si è divertito, si è liberato dai macigni che la vita gli ha attaccato alle caviglie e restituisce al pubblico un album pop leggero, ma anche capace di andare, in alcuni frangenti, sotto pelle.

TRACKLIST

01. A Noi Due (04:09)
02. Un Gusto Strano (03:45)
03. Fino a Domani (03:29)
04. L'Amore è Un'Altra Cosa (03:53)
05. Un Deserto (03:33)
06. Non Ci Serve Una Scusa (03:32)
07. Ci Rassicura (03:24)
08. Lo Vedi Che èPossibile (03:47)
09. Il Mio Lato Oscuro (03:32)
10. Siamo Stonati (04:07)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.