«THE S.L.P. - S.L.P.» la recensione di Rockol

S.T.P., l'electro-rock anarchico di Serge Pizzorno

Serge Pizzorno dei Kasabian debutta con un disco fra rock, pop ed elettronica in cui si getta nelle sue passioni musicali senza regole, né obiettivi

Recensione del 05 set 2019 a cura di Claudio Todesco

La recensione

Un’introduzione strumentale sul modello delle colonne sonore dei film d’azione, un po’ Morricone e un po’ John Barry. Pop e musica da club. Indie e hip-hop. “The S.L.P.” è un album-playlist. Nel debutto solista di Serge Lorenzo Pizzorno dei Kasabian ci sono idee, stili, suoni accatastati senza criterio apparente. Anzi, il criterio c’è e lo ha spiegato il musicista inglese a Rockol: questo disco vuole essere “un luogo di sperimentazione dove fare quel che mi va, senza regole, né obiettivi”. La debolezza dell’album non sta nella varietà di stili, ma nella discontinuità. Per dirla all’inglese, per ogni canzone “killer” c’è un “filler”.

“The S.L.P.” nasce da alcune musiche composte per il cinema da Pizzorno una decina d’anni fa. Sono i tre frammenti intitolati “Meanwhile… in Genova”, dove emerge un po’ dell’italianità del musicista, “Meanwhile… at the welcome break” e “Meanwhile… in the silent nowhere”. Pizzorno li ha piazzati all’inizio, al centro e alla fine dell’album, per trasmettere l’idea di una narrazione cinematica. Il disco è nato riempiendo gli spazi fra questi pezzi, offrendo un autoritratto in cui ogni canzone mostra un lato della personalità del musicista.

Ecco allora Pizzorno trasformare una nottata di dissolutezza in un pezzo intitolato “Lockdown” che trasmette ansia e senso di claustrofobia, fra beat che rimbombano nelle cuffie e suoni gracchianti di chitarra elettrica. Eccolo mettere in musica, in “Nobody else”, la necessità di smettere di fuggire dalle cose sovrapponendo accordi di pianoforte, rumori di sottofondo, una cassa incessante, la frase tormentone “can’t beat the feeling”, un’atmosfera da Ibiza-in-camera. Eccolo cantare di identità digitale in “Favourites”, con Little Simz, esplorando nella musica iper-pop il confine fra gioco e follia.

Non tutti gli esperimenti sono perfettamente riusciti. “Soldiers 00018”, con ospite Slowthai, usa sintetizzatori e voci filtrate per evocare un’atmosfera di odio e xenofobia. Non è un pezzo memorabile, ma contiene una delle rime più divertenti del disco, sugli inglesi: “Why can’t a nation of drinkers be a nation of thinkers?”. Il rock da club di “((trance))” è già sentito e sorretto da una melodia pop che in parte lo riscatta, mentre il pastiche stilistico di “The Wu” è vanamente frenetico ed eccitato. Killer e filler, appunto.

Pizzorno ha fatto uno sforzo per tenersi lontano dalla strumentazione rock tradizionale. Ha per così dire miniaturizzato la sua musica. Da una parte, ha costruito le canzoni partendo da brevi frasi, a volte campionate, messe in loop, fatte entrare e uscire dal mix. Dall’altra ha utilizzato strumenti portatili come drum machine e piccole tastiere, usando le possibilità del collage digitale. Ho la sensazione che ci scorderemo presto di “The S.T.P.”, ma se non altro l’album ci fa conoscere Pizzorno come musicista giocoso e anarchico.

TRACKLIST

01. Meanwhile... In Genova (03:25)
02. Lockdown (03:16)
03. ((trance)) (04:15)
04. The Wu (03:33)
05. Soldiers 00018 (03:36)
06. Meanwhile... At the Welcome Break (03:18)
07. Nobody Else (04:10)
08. Favourites (feat. Little Simz) (03:53)
09. Kvng Fv (01:00)
10. The Youngest Gary (04:10)
11. Meanwhile... In the Silent Nowhere (04:10)

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.