«DICO SEMPRE LA VERITà - Mauràs» la recensione di Rockol

“Dico sempre la verità”: Mauràs e la sua ironia raccontano i tempi moderni

L'esordio dell'artista torinese è farcito di ironia, ma è molto più di questo

Recensione del 20 ago 2019 a cura di Riccardo Primavera

La recensione

Rapper, dj e beatmaker, molto si può dire di Mauràs, tranne che non sia un artista davvero poliedrico. Figura di rilievo della scena torinese, con all'attivo moltissime collaborazioni, in tutte le vesti – due sue produzioni figurano in “Educazione Sabauda” di Willie Peyote, per citarne una -, è legato ad altre storiche realtà della città della Mole, quali Funk Famiglia e Poor Man Style. Eclettico tanto nelle produzioni quanto nelle liriche, si contraddistingue per una scrittura ironica e acuta, che mescola pungenti giochi di parole con ricche scelte melodiche, riuscendo con una notevole naturalezza a trasmettere qualcosa con ogni canzone, senza per questo però risultare pesante o pedante.

“Dico sempre la verità” è il disco d'esordio di Mauràs, interamente prodotto da Bonnot, produttore degli Assalti Frontali e vera e propria icona vivente del rap italiano. La direzione d'orchestra di Bonnot annovera anche la presenza di Enrico “Matta” Ninja alle batterie ed Ermanno Fabbri alle chitarre. Frank Sativa firma la strumentale di “Air BNB”, mentre i featuring al microfono compaiono in “Capitalunedì” - primo singolo estratto dal disco, con ritornello di Willie Peyote e una strofa di Inoki Ness – e “Alibi”, con la splendida voce di Awa Fall.

Il punto forte del primo disco ufficiale di Mauràs è indubbiamente l'ironia. La sua scrittura è infatti permeata di una verve ironica inarrestabile, in grado di strappare sorrisi con una certa ironia, con la consapevolezza però che si tratta di sorrisi amari. L'ironia dell'artista torinese è infatti, in realtà, un meccanismo di occultamento che cela un cinismo di fondo, protagonista della lucida analisi che Mauràs fa del music business, del mondo dello spettacolo e della società in generale. Partendo da “Capitalunedì” - neologismo che potrebbe tranquillamente farsi strada in sociologia -, il disco si sviluppa in una serie di wordplay divertenti, incastrate però in cornici tutt'altro che luminose. L'attacco all'incoerenza di “Alibi”, gli attacchi piuttosto espliciti in “Majorana”, la critica all'ostentazione in “Balenciaga”, il toccante – ma mai arrendevole – sfogo in “I'll Sleep When I Die”. “Dico sempre la verità” è un viaggio nei pensieri di Mauràs sui tempi moderni, sono le sue riflessioni sbobinate in musica – con contaminazioni rap, funk, soul, blues; insomma, una fortissima matrice black. Difficile dargli torto ascoltando con attenzione le sue liriche, impossibile non fermarsi a riflettere dopo ogni ascolto.

TRACKLIST

01. Capitalunedì (03:37)
02. Facile (03:01)
03. Dico sempre la verità (03:25)
04. Alibi (03:21)
05. Majorana (03:40)
06. Air BNB (02:16)
07. Balenciaga (02:45)
08. I'll Sleep When I Die (03:14)
09. In confusione (03:21)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.