«NORTH OF LORETO - North of Loreto» la recensione di Rockol

"North of Loreto": la Loreto di Bassi Maestro profuma di black music

Il progetto “North of Loreto” è un viaggio negli Stati Uniti degli anni '80, senza sbavature

Recensione del 18 giu 2019 a cura di Riccardo Primavera

La recensione

l peso specifico di Bassi Maestro nella scena rap e hip hop italiana è incalcolabile. Pionere, produttore d'avanguardia, rapper d'impatto incredibile, ha regalato ai fan perle e classici intrambontabili come “Foto di Gruppo”, “Giorni Matti”, “S.I.C.”, ma anche banger più recenti come “WLKM2MI” o le sue strofe in “King's Supreme” e “Battle Royale” nei vari Machete Mixtape. La sua conoscenza della black music, per lui ben oltre una semplice fonte d'ispirazione, ha sempre caratterizzato in maniera fortissima la sua produzione, ancora oggi nelle cuffie dei fan storici ma anche dei giovanissimi. 

 

Il suo nuovo progetto, “North of Loreto”, in realtà si distacca talmente tanto dal rap che lo pseudonimo con cui lo realizza è proprio quello di North of Loreto. Eppure ciò che ha sempre ispirato il suo modo di produrre il rap ritorna prepotenete in questo progetto, anzi, ne è il fulcro principale. Ad accompagnarlo in questa nuova avventura, pochi ma buoni: Ghemon – unico rapper a tutti gli effetti, tra gli ospiti -, Veezo, la leggenda dell'r'n'b americano Domino e Saucy Lady.

Come accennato prima, “North of Loreto” non è un disco rap, neanche lontanamente. È un colossale omaggio alla musica black degli anni '80, che ha da sempre affascinato e ispirato Bassi Maestro, anche quando produceva rap. Con questo progetto si è però spinto oltre, abbracciando tutte le sfumature di quel sound – dal pop alla disco, dal funk alle venature più soul, lavorando di fino con gli effetti vocali -, senza i paletti (auto)imposti dal rap. Prince, Janet Jackson, Micheal Jackson, Terry Lewis: questi sono solo alcuni dei nomi che hanno ispirato il progetto “North of Loreto”. Bassi si è liberato delle “velleità” del testo, ha affidato quasi tutta la comunicazione e l'emotività alla musica, al sound, alle atmosfere evocate. Il risultato è talmente perfetto da sembrare uscito dagli anni '80; ed è assolutamente un complimento.

TRACKLIST

01. Don't get stopped in NoLo (02:43)
02. Always on my mind (03:10)
03. Amore plastico (Plastic Love) (03:51)
04. This is what you get (feat. Diamond Ortiz) (02:41)
05. Never give up (03:00)
06. Crazy yeah (02:59)
07. I need a doctor (02:51)
08. Do it like this (feat. Domino) (02:30)
09. 100 (feat. Ghemon) (03:23)
10. Lovin' U (feat. Veezo) (03:50)
11. Plastic Love (feat. Saucy Lady) - Saucy Lady rmx (03:33)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.