Recensioni / 21 apr 2019

Rolling Blackouts Coastal Fever - HOPE DOWNS - la recensione

Il “pop duro” o “soft punk” dei Rolling Blackouts Coastal Fever - in vinile

dall’Australia con furore: dopo l’EP French Press del 2017, hanno conquistato il mondo – l’anno seguente – con questo album di debutto.

Voto Rockol: 3.0/5
HOPE DOWNS
Rolling Blackouts Coastal Fever under license to S (Vinile)
Powered by     

di Redazione Vinyl

I Rolling Blackouts Coastal Fever vengono dall’Australia. Dopo l’EP French Press del 2017, hanno conquistato il mondo – l’anno seguente – con questo album di debutto.

Questi musicisti di Melbourne, parlando della loro musica si definiscono “pop duro” o “soft punk” a seconda dei momenti. E hanno un peculiarità non da poco: in formazione schierano tre chitarristi (più la classica sezione ritmica basso e batteria). Le tre sei corde lavorano in squadra per costruire trame interessanti, che danno al loro guitar-pop un tocco particolare, caldo: è il “triple guitar rock”, come i Rolling Blackouts Coastal Fever amano dire.

CONTINUA A LEGGERE SU DEAGOSTINIVINYL.COM

Lato A
An Air Conditioned Man 
Talking Straight 
Mainland
Time In Common 
Sister’s Jeans

Lato B
Bellarine 
Cappuccino City
Exclusive Grave
How Long? 
The Hammer