«COLPA DELLE FAVOLE - Ultimo» la recensione di Rockol

Ultimo fa i conti con il lato oscuro del successo: la recensione del nuovo album 'Colpa delle favole'

Ultimo vorrebbe tornare indietro, ma ormai non si può. La sua vita adesso è questa: concerti, interviste, foto rubate, riunioni, aspettative e responsabilità. È tutta "Colpa delle favole", che lo hanno ingannato, come racconta nel suo nuovo album.

Recensione del 04 apr 2019 a cura di Mattia Marzi

La recensione

Dice che se la sua vita adesso è questa, la colpa è solo delle favole. Lo hanno illuso, lo hanno ingannato, gli hanno fatto venire voglia di puntare in alto e lui - che aspettava da tempo l'occasione per farsi sentire - non ci ha pensato due volte: ha aperto le sue ali di cera e ha iniziato a volare. D'altronde, come cantava un poeta, "a vent'anni è tutto un chi lo sa, quante balle si ha in testa a quell'età". Ma poi il successo - arrivato così in fretta, sconvolgendo la sua vita da 23enne, tra birre con gli amici, un amore importante e piccole cose quotidiane - lo ha fatto precipitare giù. Il peso delle aspettative, le responsabilità, le critiche (soprattutto quelle gratuite), il suo nome urlato dentro un fast food o per strada da uno sconosciuto: tutto ciò gli ha fatto venire voglia di chiudersi in sé stesso, tapparsi le orecchie e urlare forte per coprire con la sua voce tutto il rumore intorno, proprio come sulla copertina di questo disco. Forse non era pronto, forse non s'aspettava che il successo gli presentasse un conto così salato. A 23 anni Ultimo è già al suo terzo disco: "Colpa delle favole" arriva dopo la partecipazione al Festival di Sanremo 2019 con "I tuoi particolari" ed è un diario in cui il giovane cantautore romano racconta quello che è accaduto nella sua vita negli ultimi mesi.

Ultimo ha cominciato a lavorare alle nuove canzoni già durante il tour dello scorso anno, nei ritagli di tempo, completando poi le registrazioni proprio a ridosso della sua partecipazione al Festival. Al suo fianco ha voluto gli stessi produttori con i quali aveva lavorato ai due dischi precedenti, i coetanei Yoshimitsu e Manusso, entrambi legati alla sua stessa etichetta. In effetti a livello di stile le nuove canzoni sono la naturale prosecuzione di quelle di "Pianeti" e "Peter Pan": il disco è quasi tutto incentrato sulle ballate pianistiche che sono ormai diventate la sua cifra stilistica, abbastanza tradizionali nei suoni e nel linguaggio: Ultimo si conferma il più nazionalpopolare tra i cantautori di nuova generazione. Oltre a "I tuoi particolari" spiccano "Quando fuori piove", "Fateme cantà", "Rondini al guinzaglio" e "Amati sempre", che mirano a diventare le nuove "La stella più fragile dell'universo", "Vorrei soltanto amarti", "Farfalla bianca" e "Racconterò di te".

La rabbia della canzone che apre l'album e che gli dà il titolo (con quei versi urlati come un grido d'aiuto: "Perché è colpa delle favole se la mia vita adesso è questa") e la nostalgia di "La stazione dei ricordi" (un flusso di parole per guardarsi indietro un'ultima volta) sono i momenti clou di un album che anche se non segna una crescita a livello di stile e di scrittura rispetto ai precedenti - tre dischi in un anno e mezzo sono tanti, forse troppi: forse se avesse avuto un po' più di tempo per scrivere avrebbe potuto provare ad ampliare un po' i suoi orizzonti, ma tant'è - si fa comunque apprezzare per l'autenticità con cui il cantautore racconta il fin troppo fulmineo passaggio dall'adolescenza all'età adulta e il lato oscuro del successo, che gli ha fatto venire voglia di rifugiarsi nel suo mondo e lo ha reso ancora più schivo e introverso: gli amici di sempre rimasti al parcheggio di San Basilio, un bicchiere di vino, le piccole certezze.

Con "Colpa delle favole" Ultimo va intenzionalmente a chiudere una trilogia: se in "Pianeti" del 2017 cercava un suo posto nel mondo e se in "Peter Pan" raccontava la realizzazione dei suoi sogni, "Colpa delle favole" è il disco di un giovane uomo diventato grande senza neanche accorgersene, che è stato travolto all'improvviso dagli eventi e non può più tornare indietro. Ci tratteniamo dall'assegnargli più di tre stellette per non offrirgli un motivo per sollevare i piedi da terra. Perché il talento, che c'è, va nutrito dal basso.

TRACKLIST

01. Colpa Delle Favole (03:04)
02. I Tuoi Particolari (03:39)
03. Quando Fuori Piove (03:41)
04. Ipocondria (03:01)
05. Fateme Cantà (04:11)
07. Amati Sempre (04:04)
09. Piccola Stella (03:52)
10. Aperitivo Grezzo (03:23)
11. Fermo (02:40)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.