«A ROCK SUPREME - Danko Jones» la recensione di Rockol

Torna il rock muscolare dei Danko Jones

Nuovo album per la formazione canadese, che resta fedele a se stessa e al verbo del rock'n'roll alla AC/DC e Thin Lizzy

Recensione del 26 apr 2019 a cura di Daria Croce

La recensione

I Danko Jones sono proprio come quella confettura che veniva pubblicizzata negli anni Settanta con lo slogan “a scatola chiusa”. Perché anche senza assaggiare, sai già - nel bene e nel male - cosa ti aspetta.

E allora diciamolo subito: il nono album dei canadesi è una dichiarazione di intenti già dal titolo che riprende, molto probabilmente, quello del capolavoro di John Coltrane “A Love Supreme”. E gli intenti sono sempre i soliti: tanto che questo lavoro è intrinsecamente, spudoratamente, hard rock sanguigno, muscolare ed esuberante, che ricalca - o cerca di ricalcare - le orme dei vati ispiratori Thin Lizzy e AC/DC.

Hard rock/cock rock in salsa Seventies, dunque. Cafone e divertente, senza pretese e pieno zeppo di chitarre graffianti. Per cui il trio di Toronto tiene fede al proprio stile - ancora una volta - non per abitudine né per comodità, ma per passione. I ragazzi si divertono ancora come quando hanno iniziato oltre 20 anni fa... e i brani che ne escono sono energici, vitali: dall’opener “I’m In A Band” (“I'm in a band, and I love it / All I want to do is play my guitar and Rock and Roll”) al primo singolo pubblicato “We’re Crazy”, passando per il riff di “Dance Dance Dance” e il pezzo di chiusura “You Can’t Keep Us Down”.

Tutta roba che nessuno può definire “nuova”, “mai sentita prima”, “sperimentale”... anzi, l’esatto opposto. Eppure questa musica, se fatta con i sacri crismi e la giusta dose di trasporto (come nel caso dei Danko Jones), riesce sempre a trascinare gli amanti del rock in senso più lato.

“A Rock Supreme” - prodotto da Garth “GGGarth” Richardson (Rage Against The Machine, Red Hot Chili Peppers, Rise Against, Biffy Clyro) e con copertina firmata da Ulf Lunden (Graveyard, Europe, Bombus) - in poche parole è un album solido come la roccia che, pur non promettendo epocali cambi di prospettiva e stravolgimenti, fa divertire con 11 tracce tirate.

File under: hard rock, birra e grigliate.

TRACKLIST

01. I'm in a Band (03:58)
02. I Love Love (03:44)
03. We're Crazy (03:17)
04. Dance Dance Dance (03:51)
05. Lipstick City (04:29)
06. Fists up High (03:52)
07. Party (03:38)
08. You Got Today (03:49)
09. That Girl (03:37)
10. Burn in Hell (03:16)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.