«HERE IF YOU LISTEN - David Crosby» la recensione di Rockol

"Here If You Listen", la magia della musica di David Crosby

David Crosby in stato di grazia: quarto album da solista in 4 anni e il terzo in due. La recensione

Recensione del 17 nov 2018 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Strani percorsi della vita musicale:  David Crosby pubblica il primo disco solista, il leggendario "If I could only rember my name", nel '71 e e per dare un seguito, "Oh yes I can", ci mette 18 anni. "Thousand Roads" esce 4 anni dopo, ma per un  nuovo album solista passano di nuovo 11 anni, "Croz", nel 2014.
Negli ultimi 4 anni Crosby ha pubbllicato ben quattro album, di cui tre solo negli ultimi due. "Lighthouse (2016) e a "Sky Trails", uscito solo un anno fa. Certo, in mezzo a questi lavori, ci sono state le altre avventure: i CPR fondati con il figlio, e i tanti ritorni con gli amici Nash, Stills (e Young). Ora che l'avventura del gruppo è finita, Crosby sembra avere trovato un nuovo ritmo. Lo abbiamo visto in concerto, nel recente tour italiano, e lo sentiamo in questo disco.

“Here If You Listen” è stato inciso con i musicisti con cui ha collaborato nel suo album del 2016 “Lighthouse” e lo accompagnano in tour: Michael League dei Snarky Puppy, Michelle Willis e Becca Stevens. Ne è, in diversi modi, la diretta prosecuzione, e suona molto diverso da  "Sky Trails".

"Here if you listen" è un piccolo grande gioiello di minimalismo e grazia sonora. Poche chitarre, tante armonie vocali, con Crosby che si fa accompgantare dalle voci di Michelle Willis e Becca Stevens, che spesso vanno oltre i cori e passano in primo piano, andando ad aggiungersi anche a vecchi demo rispolverati e rielaborati ("1974" e "1967").

E' un disco d'altri tempi, che non a caso si chiude con una cover di "Woodstock", dell'amica Joni Mitchell, cantata a più voci. Un piccolo grande momento di magia, che unisce passato presente e futuro, per un disco davvero notevole. Un grande in stato di grazia.

 

 

TRACKLIST

01. Glory (05:20)
02. Vagrants of Venice (04:06)
03. 1974 (03:00)
04. Your Own Ride (04:34)
05. Buddha on a Hill (04:07)
06. I Am No Artist (04:37)
07. 1967 (03:19)
08. Balanced on a Pin (04:30)
09. Other Half Rule (04:34)
10. Janet (03:27)
11. Woodstock (03:34)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.