«WARM - Jeff Tweedy» la recensione di Rockol

Le canzoni più intime di Jeff Tweedy: "Warm"

Il leader dei Wilco, con il suo primo disco di inediti: un piccolo gioiello di cantautorato americano, una confessione, da ascoltare d'un fiato assieme alla recente autobiografia "Let's go, so we can go back"

Recensione del 04 dic 2018 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Fa impressione a dirlo, ma questo è il primo album solista di Jeff Tweedy in 28 anni di carriera, da quando uscì "No depression", l'esordio degli Uncle Tupelo. Poi i Wilco, i Tweedy (la band con il figlio Spencer), l'anno scorso un album a suo nome, ma di riletture acustiche di canzoni della sua band.
Eppure Jeff Tweedy è una delle colonne portanti della musica americana degli ultimi decenni. Una sorta di leader silenzioso e riluttante, che non ama apparire, tiene a distanza tutto e tutti. Un po' per proteggere la sua musica, un po' per un carattere schivo e problematico - lo racconta molto bene in ‘Let’s Go (So We Can Get Back)’, l'autobiografia uscita in questi giorni. Tweedy è uno che di solito fa parlare la musica, e non si mette mai in prima fila, nei racconti. Fa altrettanta impressione, leggere in quelle pagine, i dettagli della sua storia di dipendenze da oppiacei, di cui spesso si è parlato, e di cui si è liberato; fa effetto leggere la sua dettagliata versione delle storie tese con Jay Farrar - l'altra metà degli Uncle Tupelo, che si dissolsero sul più bello, quando il loro "alt. country" era diventato un genere quasi di moda - e quelle con Jay Bennett (con cui realizzò il capolavoro dei Wilco "Yankee hotel foxtrot", salvo buttarlo fuori dal gruppo). 

E fa impressione che le prime parole di questo disco siano: "Per tutta la vita ho recitato una parte/nelle bombe cadute sopra alle persone amate/Mi sto prendendo un momento per scusarmi/Avrei dovuto fare di più per fermare la guerra/Quindi mi dispiace". 

"Warm" è il disco più intimo e diretto di tutta la carriera di Tweedy, e probabilmente anche uno dei più belli. Un disco di canzoni-canzoni, basate su chitarra acustica e voci, ma arrangiate con il tocco sonoro magico che spesso si sente nei Wilco: il click in sottofondo a "How Hard It Is For A Desert To Die", la lunga coda di "How Will I Find You?", basata su chitarre quasi dissonanti. Però qui - più che negli ultimi dischi dei Wilco - prevale sempre la forma canzone, come "I Know What It's Like", o "Don't forget"  che sembrano riportare ai primi tempi della band.

Leggevo una recensione, qualche giorno fa: la linea che divide Tweedy dai Wilco è sottile, diceva il recensore. No, è ben marcata: perché nella band c'è un lavoro di gruppo, un prendere le canzoni di Tweedy e rielaborarle fino a farle diventare altro - e si sente anche molto negli ultimi album, sicuramente da quando la band ha una formazione stabile, da "Sky blue sky" (2007). Qua si sente che c'è volutamente meno ricerca, più essenzialità: Tweedy aveva bisogno di raccontare queste storie da solo, senza aiuto e senza intereferenze.

Il risultato è un disco disarmante, nella sua essenzialità, ma mai banale. Un disco che lascia una sensazione di calore, quando la musica è finita: "I don’t believe in Heaven/I keep some heat inside/Like a red brick in the summer/ Warm when the sun has died".

TRACKLIST

01. Bombs Above (02:15)
02. Some Birds (03:41)
03. Don't Forget (03:30)
05. Let's Go Rain (02:57)
06. From Far Away (03:10)
09. The Red Brick (02:36)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.