«TERAPIA DI GRUPPO - Funk Shui Project» la recensione di Rockol

Funk Shui Project: leggi qui la recensione di "Terapia di gruppo"

Per il secondo album, il collettivo torinese si affida alla voce di Davide Shorty per undici pezzi tra hip hop, funk, soul e melodie vintage.

Recensione del 11 ott 2018 a cura di Marco Jeannin

La recensione

In un periodo di forti cambiamenti sociali, personali e musicali, abbiamo sentito l’esigenza di esprimerci con un nuovo album dal sapore più soul. La collaborazione con Davide è nata in maniera naturale e ne è uscito “Terapia di gruppo”, un lavoro che ci piace definire “a più cuori”, fatto di condivisione e confronti, dove il nostro sound si amalgama con melodie e immagini che sfogano le insicurezze, la rabbia e l’amore di ognuno di noi.

Loro sono i Funk Shui Project, collettivo di musicisti e produttori torinesi attivo dal 2008. Dopo l’omonimo disco d’esordio datato 2014 e realizzato con il nostro amato Willy Peyote, i FSP tornano con un nuovo lavoro, undici pezzi questa volta ben supportati dalla voce del palermitano Davide Shorty in un sodalizio senza dubbio vincente. Sodalizio integrato ed impreziosito dai featuring di Tormento in "Fuori di Noi”, Hyst in “Enigmatica” e Godblesscomputer nel pezzo necessariamente più elettronico del lotto, “Interlude”. Atmosfere dilatate e una maggiore propensione al soul sono però il marchio di fabbrica di questo lavoro caratterizzato da un flow costante e molto elegante, impreziosito da basi essenziali ma complete, direi quasi vecchia scuola.

Undici "sedute" di gruppo, undici diverse prospettive su amore e dintorni si trasformano un disco attraverso cui gli artisti esorcizzano insieme problemi e riflessioni sentimentali. 

Tra J-Dilla e Piero Umiliani, influenze dichiarate, con un tocco alla Casino Royale prima maniera e spruzzate jazz, i Funk Shui Project mettono sul piatto un lavoro davvero solido, molto ben prodotto (uno dei lavori migliori che ho sentito quest’anno) e registrato. Pezzi come “Dormi”,  “Come si fa”, la fumosa, quasi noir “Questa stanza mi consola” e il funk incessante dell’ottima, beh… “Viaggio funk”, possono davvero fare la differenza in un disco fatto da musicisti veri, dotati di buon gusto e parecchie idee.

TRACKLIST

01. In un abbraccio (02:47)
02. Dormi (03:20)
03. Come si fa (03:06)
04. Fuori di noi (feat. Tormento) (03:41)
05. Blues di mezzogiorno (03:22)
06. Interlude (feat. Godblesscomputers) (01:23)
07. Enigmatica (feat. Hyst) (02:49)
08. Questa stanza mi consola (02:11)
09. Confusi (03:31)
10. Naufrago nella realtà (03:52)
11. Viaggio funk (04:01)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.