«AN AMERICAN TREASURE - Tom Petty» la recensione di Rockol

L'eredità musicale di Tom Petty è un "American treasure"

Un anno dopo la sua scomparsa, la prima pubblicazione postuma di Tom Petty: un box con 60 brani, tra inediti, outtake e versioni live. Le abbiamo ascoltate

Recensione del 02 ott 2018 a cura di Gianni Sibilla

La recensione

Si potrebbe scrivere un libro sul modo di gestire l’eredità di un artista dopo la sua scomparsa. Se seguite la musica, ne avete esempi continui - e solo in questo periodo ne abbiamo tre: la raccolta piano e voce di Prince, registrazioni inedite dell’83, apparentemente marginali e accompagnate da una più tradizionale raccolta; la prossima pubblicazione dedicata a Chris Cornell, una retrospettiva che di fatti ricostruisce la sua storia, ma con pochi materiali inediti: quasi un’introduzione alla sua musica.
E poi questo box dedicato a Tom Petty: 60 brani, 250 minuti di musica quasi totalmente inedita. 

Gli Heartbreakers sopravvissuti hanno raccontato che Petty, scomparso un anno fa oggi, ha lasciato centinaia e centinaia di ore di materiale. Non siamo ai livelli di Prince, la cui “Vault” è zeppa di musica completamente inedita, anche album interi. Qua si tratta di registrazione di concerti,  di demo, versioni diverse e un po' di canzoni mai pubblicate.

"American treasure” riflette tutto questo: le canzoni sono ordinate in maniera cronologica, dalll’esordio nel ’76 (una versione alternativa di “Surrender”, una delle canzoni simbolo di quella prima fase), a incisioni dagli ultimi album, “Mojo” (2010), “Hypnotic Eye” (2014) e il secondo disco con i Mudcrutch. Chiude il tutto una registrazione live del 2016 - non c’è niente dal tour dei 40 anni dagli esordi che si concluse pochi giorni prima della morte di Petty.

Petty stava lavorando da tempo ad una nuova versione di “Wildflowers”, disco solista del 1994 - qua sono presenti alcune brani rimasterizzati (e un solo inedito del periodo). La scelta logica per una prima pubblicazione solista sarebbe stata chiudere quel lavoro. Poi si è optato per un altro messaggio, chiaro fin dalla copertina, un ritratto di Shepard Fairey, l’autore del famoso manifesto “Hope” con Obama: L'eredità musicale di Tom Petty è un "American treasure”. Insomma, ricordare l’importanza di Petty.

La raccolta contiene 58 canzoni (più uno spot radiofonico e l'introduzione ad un concerto di Kareem Abdul Jabbar). Gli inediti sono un po' di meno: una quindicina sono canzoni dagli album, rimasterizzate. Mancano le più famose: "American girl", la cover di "Mary Jane's last dance" che fu una hit, "Free fallin" - qualcun altra è presente in versione dal vivo ("I won't back down"). Personalmente lamento la mancanza di "The waiting" - in qualche forma, già pubblicata o in versione inedita: è, secondo me, la sua canzone più bella, ma Petty la suonava poco, ultimamente - eppure nel documentario del 2007 "Running down a dream" era inclusa una stupenda versione con Eddie Vedder che valeva un recupero. 

Ma fare il gioco delle mancanze è troppo semplice: quello che c'è va benissimo. Molte versioni alternative e dal vivo, tra cui una "Rebels" con drum machine e una "Deliver me" con vocoder stile Bon Jovi, una prima versione di "King of the Hill" (incisa per il suo maestro Roger McGuinn dei Byrds). Tra le chicche c’è pure la versione di studio di questo inedito, “Two men talking”, un omaggio ai Grateful Dead, con lo stesso giro di “That’s it for the other One”. Petty suonò dal vivo qualche volta, anche a Lucca nel 2012 (Di quel concerto circola un bootleg che suona bene quanto un disco dal vivo ufficiale. Vale la pena cercarlo, non è difficile da trovare: fu un gran concerto).

Più in generale, il box ricostruisce un'immagine fedele di Petty, usando questo mix di materiale inedito e parzialmente edito: gli esordi più rock 'n' roll e chitarristici (il suono della Rickenbacker, derivato dai Byrds, appunto) e una fase più matura, dall'inizio degli anni '90, da cantautore rock più puro e dylaniano ("Wallflowers" è il capolavoro di questa fase) e un ultimo periodo in cui si prende le libertà di spaziare tra progetti apparentemente di nicchia (la reunion della sua prima band, i Mudcrutch) e diversi suoni (gli ultimi dischi: uno, "Mojo", più blues rock e l'altro, "Hypnotic Eye" dedicato al garage rock).

Insomma: una scelta che mette d'accordo tutti: i fan, gratificati con una bella raccolta di materiale mai sentito, e gli ascoltatori che semplicemente vogliono ricordare uno dei più grandi rocker americani di sempre. Un tesoro americano, appunto.

TRACKLIST

01. Surrender - Outtake, 1976 (03:18)
03. Anything That's Rock 'N' Roll - Live at Capitol Studios, Hollywood, CA, 11/11/77 (03:37)
04. When the Time Comes - 2018 Remaster (03:04)
05. You're Gonna Get It - Alternate Version, 1978 (03:14)
06. Radio Promotion Spot - 1977 (00:27)
07. Rockin' Around (With You) - 2018 Remaster (02:19)
08. Fooled Again (I Don't Like It) - Alternate Version, 1976 (04:10)
11. No Second Thoughts - 2018 Remaster (02:39)
12. Here Comes My Girl - Alternate Version, 1979 (04:57)
13. What Are You Doing in My Life - Alternate Version, 1979 (03:30)
14. Louisiana Rain - Alternate Version, 1979 (05:04)
15. Lost in Your Eyes - Outtake, 1974 (04:47)
18. Keeping Me Alive - Outtake, 1982 (03:17)
19. Don't Treat Me Like a Stranger - 2018 Remaster (03:05)
20. The Apartment Song - Demo, 1984 (02:34)
21. Concert Intro - Live at The Forum, Inglewood, CA, 6/28/81 (00:10)
22. Kings Road - Live at The Forum, Inglewood, CA, 6/28/81 (05:13)
23. Clear the Aisles - Live at The Forum, Inglewood, CA, 6/28/81 (00:16)
25. Straight Into Darkness - Alternate Version, 1982 (04:29)
26. You Can Still Change Your Mind - 2018 Remaster (04:01)
27. Rebels - Alternate Version, 1985 (05:18)
28. Deliver Me - Alternate Version, 1982 (03:55)
32. Walkin' from the Fire - Outtake, 1984 (04:44)
33. King of the Hill - Early Take, 1987 (04:00)
34. I Won't Back Down - Live at The Fillmore, San Francisco, CA, 2/4/87 (03:39)
35. Gainesville - Outtake, 1998 (04:05)
36. You and I Will Meet Again - 2018 Remaster (03:38)
39. Lonesome Dave - Outtake, 1993 (03:40)
42. Wake Up Time - Alternate Take, 1992 (05:30)
43. Grew Up Fast - 2018 Remaster (05:05)
44. I Don't Belong - Outtake, 1998 (02:54)
45. Accused of Love - 2018 Remaster (02:44)
46. Lonesome Sundown - 2018 Remaster (04:31)
47. Don't Fade on Me - Alternate Take, 1994 (04:28)
48. You and Me - Clubhouse Version, 2007 (03:13)
49. Have Love Will Travel - 2018 Remaster (04:05)
50. Money Becomes King - 2018 Remaster (05:11)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.