«MONDO DELUXE - Peepshows» la recensione di Rockol

Peepshows - MONDO DELUXE - la recensione

Recensione del 09 mar 2000

La recensione

Nelle note di copertina, firmate dall’ex-Turbonegro Happy Tom, c’è una frase decisamente iettatoria: “Ho visto il futuro del rock’n’roll, e il suo nome è Peepshows”. D’accordo, il primo a rimanere inchiodato alla definizione - Bruce Springsteen - è riuscito a raggiungere un colossale successo planetario, ma quelli che ci sono incappati dopo di lui, non hanno mai cavato un ragno dal buco. Nel caso dei Peepshows poi, si tratta di una evidente esagerazione. Non che “Mondo deluxe” sia un brutto album, ma non è proprio il caso di lasciarsi andare a entusiasmi trionfali; i quattro ceffi svedesi si sono studiati per bene i loro sussidiari di punk e hard rock, e risputano fuori la lezione con la giusta dose di grinta e insolenza. Così, “Right now” sembra un po’ “Rock’n’roll radio” e un po’ “I believe in miracles”, vecchi classici dei finti fratelli Ramone, e l’organetto Farfisa di “No excuses” fa pensare ai Fuzztones capitati nella sala prove di un gruppo hard. Magari possono venire in mente altri gruppi nordici che hanno fatto di meglio trafficando con suoni simili (Hellacopters e Gluecifer, tanto per fare due nomi), ma tutto sommato i Peepshows non fanno una brutta figura, con i loro riffacci già sentiti, ma pur sempre gradevoli per chi ama il rock’n’roll spaccatimpani. Il “Mondo deluxe” a cui guardano è fatto di piccoli club rumorosi, brividi a buon mercato (“Cheap thrills”, il primo pezzo dell’album; Janis Joplin non c’entra) e amplificatori con il volume a undici. Hanno tutte le carte in regola per farsi strada lì dentro, e probabilmente non chiedono di meglio. Senza perdere tempo con il futuro del rock’n’roll.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.