«THE VIRGIN SUICIDES - SOUNDTRACK - Air» la recensione di Rockol

Air - THE VIRGIN SUICIDES - SOUNDTRACK - la recensione

Recensione del 03 mar 2000

La recensione

“The dark side of the moon safari”. L’hanno definita così, Nicolas Godin e JB Dunckel (i due musicisti che danno vita al progetto Air) la colonna sonora scritta per il film di Sophia Coppola (“The virgin suicides”). La parte oscura di “Moon safari”. Una descrizione che in un solo colpo sintetizza e la virata verso atmosfere dark e l’avvicinamento sempre più deciso a certo prog rock degli anni 70 e, in particolare, a sonorità, passaggi melodici e dilatazioni che fanno giusto pensare ai Pink Floyd e alla loro “parte oscura della luna”. Il nuovo disco di Air è proprio questo: un album che, sia pur nascendo come un progetto minore e non come un disco ufficiale è pur sempre, a detta degli artisti stessi, una naturale evoluzione che rispecchia ciò che sarà il prossimo album (data ipotizzata di uscita: fine 2000). Non solo: “The virgin suicides” è un lavoro che, nonostante abbia dovuto far fede ai ritmi visivi di un film e ad una storia definita “agrodolce” (quella basata sul libro omonimo di Jeffrey Eugenides), risulta molto più “trasgressivo”, fuori dagli schemi, in una parola “in progress”, come mai erano stati i brani precedenti di “Moon safari”. Prog e atmosfere dark quindi. Ma non solo. Ancora più organicità è un altro must per gli Air di oggi. Sembrano ormai lontane infatti le sonorità digitali, in odore di elettronica, ambient e chill out music, che avevano attraversato le ballate “lunari” di “Moon safari”. A queste sonorità Air hanno sovrapposto una vera sezione ritmica (basso + batteria, quest’ultima suonata da Brian Reitzell, batterista nell’ultimo tour degli Air nonché consulente musicale del film), optando poi per un uso sempre più diffuso di tastiere vintage (moog, soprattutto). Il tutto per avvicinarsi agli anni 70 (periodo in cui si svolge la storia di “Virgin suicides”). E i brani contenuti nella colonna sonora danno ragione agli Air. L’avvicinamento alla “parte oscura della luna” ha dato i suoi frutti. Ascoltare la bellissima ballata di “Playground love” (un pezzo che avrebbe potuto scrivere Luke Haines degli Auteurs in uno dei momenti più ispirati), l’epicità di “Cemetary party” o la delicatezza pop psichedelica di “High school lover” (perfettamente bilanciata tra reminiscenze beatlesiane e psichedelia alla Pink Floyd) per credere.

TRACKLIST

06. The world hurricane
08. High school lover
10. Ghost song
13. Suicides underground
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.