«REVAMP: THE SONGS OF ELTON JOHN & BERNIE TAUPIN - Various Artists» la recensione di Rockol

Revamp, i capolavori pop di Elton John cantati dalle popstar di oggi

Ed Sheeran, Lady Gaga, i Coldplay, Mary J Blige, Miley Cyrus, ma anche Queen of Stone Age tutti insieme per eseguire il ricco canzoniere di Elton John.

Recensione del 06 apr 2018 a cura di Michele Boroni

La recensione

Ci sono svariati modi per un artista o per una band di ritirarsi dalle scene. C'è chi sparisce in silenzio, chi fa infiniti tour d'addio e chi invece fa in modo che siano gli altri ad omaggiarlo.


Elton John appartiene a quest'ultima categoria, anche perché se lo può permettere. Dopo il suo annuncio di ritiro dalle scene - che avverrà al termine di un tour che era già stato programmato - ha concepito la realizzazione di due dischi tributo che raccogliessero le migliori canzoni in coppia con Bernie Taupin. Il paroliere si è occupato di “Restoration”, una raccolta di composizioni che si avvicinano al mondo “Americana” suonato da una serie di artisti country e folk rock come Chris Tampleton, Miranda Lambert, Don Henley e la lanciatissima Kacey Musgreves. Il cantante londinese invece ha voluto curare personalmente questo “Revamp” con le sue canzoni più pop, affidandole ad altrettante popstar e ripetendo la fortunata operazione del 1991: il disco si intitolava "Two Rooms" e coinvolgeva amici come Kate Bush,  The Beach Boys, Sting e popstar del momento come Oleta Adams e Sinea d O'Connnor.

I dischi di cover sono sempre un'arma a doppio taglio, divisi come sono tra voglia di cambiare e rispetto per le composizioni originali. In questo caso c'è da dire che alcune scelte (quantomeno degli artisti da coinvolgere) erano quasi obbligate: del resto Ed Sheeran, Chris Martin dei Coldplay, Sam Smith, ma anche Brandon Flowers dei Killers si possono definire i nipoti putativi di Elton John.

Ed Sheeran fa sua “Candle in the Wind” in una versione più sussurrata e acustica, quasi celtica, bella anche la scelta dei Coldplay che è andata a cadere su “We all fall in love sometimes” gran ballad tratta da “Captain Fantastic...” (1975) che anche Jeff Buckley era solito proporre nei suoi concerti. Stupisce invece come la voce di Brandon Flowers dei Killers in “Mona Linas and Mad Hatters” (da “Honky Chateau” 1972) somigli al cantante originale con la voce di oggi, ma più a fuoco.

E' proprio la voce autentica di Elton John in versione lo-fi che apre questo “Revamp” per la versione più bizzarra dell'intera raccolta: forse memore dello straordinario utilizzo del sample da parte di Frank Ocean in “Super Rich Kids”, il cantante londinese ha voluto affidare “Bennie and The Jets” a Pink e a Logic per una versione ritmata e coinvolgente. Anche l'accoppiata Q-Tip & Demi Lovato rileggono in modalità downbeat “Don't go breaking my heart”. Altrove vi sono versione piuttosto calligrafiche come “Don't let the sun go down on me” interpretata da Miley Cyrus, “Daniel” da Sam Smith)e “Someone saved my life tonight” ad opera dei Mumford & Sons.

Per quanto mi riguarda, sono due le versioni che svettano indomite: si tratta di “Tiny Dancer”, non a caso una delle canzoni più emozionanti di sempre, affidata a Florence + the Machine che sulle canzoni degli altri riescono a dare il meglio, e “Goodbye Yellow Brick Road” dove i Queens of the Stone Age riescono a tirare fuori gli elementi psichedelici e spaziali del pezzo, dandogli una seconda giovinezza. Da segnalare infine la brava Alessia Cara all'altezza per “I guess that's why they calling the blues” e Lady Gaga che tira fuori tutti i colori della sua ampia gamma vocale per “Your Song”.

Che altro dire, Elton John con “Revamp” ha trovato il modo migliore per autocelebrarsi.  

TRACKLIST

01. Bennie And The Jets - 2018 Version (03:11)
02. We All Fall In Love Sometimes (03:59)
03. I Guess That's Why They Call It The Blues (04:30)
04. Candle In The Wind - 2018 Version (03:18)
05. Tiny Dancer (06:01)
06. Someone Saved My Life Tonight (06:09)
09. Mona Lisas And Mad Hatters (04:55)
10. Daniel (04:09)
12. Your Song (04:16)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.